HubSpot è ottimo software per le cose che fa (gestione all in one del digital marketing aziendale con la metodologia inbound, con tutti gli strumenti necessari) ed è per questo che ha un trend in fortissima crescita.

HubSpot sta diventando il sogno proibito di ogni responsabile marketing che ha a cuore le vendite e di ogni responsabile vendite che capisce l’importanza della comunicazione.

Non è l’unica soluzione per chi fa e ha bisogno di marketing automation, ma è decisamente l’unica se si vuole fare inbound marketing (a meno che non si tentino soluzioni casalinghe alla Frankenspot, il Wordpress che avrebbe voluto essere HubSpot e costare meno, ma che si risolve in un gran delirio, mal di testa e poca attenzione alle metriche importanti, ovvero quelle di business).

PS: cos'è l'inbound marketing?

Per me l'inbound marketing è questa roba qua e se ti fermi all'attrazione, seo e social, hai capito davvero poco dell'inbound.

flusso inbound marketing

Quindi, appunto, se si vuole far marketing automation ci sono altri software che offrono funzionalità di base o avanzate, per un’azienda che ha bisogno di generare lead e automatizzare l’attività di marketing & sales.

Guardiamo ad altre piattaforme in grado di:

  • Creare landing page e usare i form per catturare lead
  • Alimentare i lead in modo automatico
  • Fare email marketing
  • Gestire e monitorare i social
  • Seo e ottimizzare le pagine
  • Offrire contenuti personalizzati
  • Disporre di un CRM integrato.

>> Nessuna di queste offre un hosting per il sito web, simile al COS di HubSpot. Ineguagliabile

>> Nessuna poi fa tutte le cose sopraelencate e decisamente nessuna lo fa nel modo che fa Hubspot.

Si fa molto presto a capire che è la sola piattaforma completa e che non ha competitor per quei manager che vogliono un pacchetto completo ed integrato, sopratutto se si mira ad un costo di gestione, manutenzione dettato dal business e guidato da uno sviluppo Growth-Driven Design.

Andiamo a vedere queste 6-7 (o quelle che verranno nei futuri aggiornamenti) piattaforme che fanno un po’ di cose di quelle che fa HubSpot, alcune meglio, e altre peggio.

Il mio consiglio? Non innamoratevi del brand e del software, ma delle funzioni e delle vostre necessità di business. Il fatto che io usi HubSpot non significa che sia il migliore per voi, per quanto sia il migliore e l’unico in grado di gestire completamente la vostra azione digital di inbound marketing.

Ma attenzione: non dico che HubSpot è il migliore perché lo uso e sono partner certificato: lo uso, lo vendo e sono partner certificato perché senza ombra di dubbio per me è il migliore di tutti i software presenti in questo elenco.

Il prezzo base di HubSpot parte d 185 € al mese, fatturati annualmente.

Tenetelo a mente e vediamo che cosa fanno gli altri.

1. Act-On

 
acton-alternative-hubspot.png

 

La piattaforma Act-On è forse la più vicina ad HubSpot: offre tutto quello di cui potresti aver bisogno per la tua marketing automation - magramente dei lead e scoring, lead nurturing, marketing via email, lending page, dorm, tracciamento dei visitatori, strumento per la gestione dei social e molto altro ancora.

L’unico cosa che potrebbe davvero mancargli ì il sito web/blog in host (e questo ti regalo con i contenuti Smart, gli unici in grado di darti il giusto contenuto, nel giusto momento, alla persona giusta) ma dispone di un SEO tool molto potente in grado di monitorare il sito web esistente. Ci connette con ogni cosa, da Wordpress a Hootsuite, da Gmail a Salesforce. Porta i dati nella sua app e ti aiuta a gestire i contenuti. Il piano base offre la possibilità di avere 50 urenti che si occupano div vendite, in aggiunta agli utenti che lo utilizzano per far marketing.

Il piano base parte da 600$ al mese, fatturati annualmente.

2. Infusionsoft

 
infusionsoft-hubspot-alternative.png

 

Infusionsoft è un’alternativa interessante, si concentra su un segmento di mercato differente con la sua piattaforma. Il nucleo di Infusionsoft è il suo CRM e gli strumenti che si integrano con questo. Con un piano base sarete in grado di costruire campagne, pagine di destinazione, configurare ed inviare messaggi di posta elettronica. Il cuore del controllo è nel CRM. Offre anche funzionalità di ecommerce, e questo lo rende particolarmente interessante. E possibile vendere prodotti fisici o virtuali. E’ molto popolare tra i markers che vendono prodotti digital come siti web, corsi, ebook ecc.

Infusionsoft una piattaforma completa, ma richiede un bel po’ di lavoro per la messa a punto e formazione. Una curva di apprendimento particolarmente ostica che fa desistere molti.

Il piano base parte da 199 dollari al mese con fatturazione mensile, a cui aggiungere il kickstart iniziale, il cui pacchetto base parte da 700 dollari.

3. Hatchbuck

 
hatchbuck-alternative-hubspot.png

 

Hatchbuck è ottimo per le piccole aziende. E’ uno strumento che costa poco e molto facile da usare, con una curva di apprendimento molto bassa e che ha tutto il necessario per automatizzare la parte marketing e vendite. Puoi iniziare ad usare Hatchbuck subito dopo che ti sei registrato. Piccoli setting e integrazione con il tuo sito e sei pronto a partire.

Hatchbuck non ha un social media manager tool, non ha le landing page e non ha un CMS per fare l’hosting del sito web. Puoi associarci Hootsuite, Wordpress e alcuni plugin. Ma ti da un CRM, i form, la lead nurturing, l’email marketing, il tracciamento del sito web e degli strumenti per la vendita

Il piano base costa 59 dollari al mese fatturati mensilmente. Un buon modo per partire, a cui aggiungere la consulenza di qualcuno in grado di dominarlo e gestirlo.

4. Marketo

 
Marketo-screen-alternative-hubspot-833450-edited.jpg

 

Negli anni Marketo si è sempre più evoluta e si è orientata vero la fascia alta di mercato. Se state cercando un’alternativa ad HubSpot perché pensate che costi troppo (ma davvero?!?) Marketo non è un’alternativa. Marketo ha ottime caratteristiche per gestire l’email marketing, oltre al montaggio del sito web dettagliato, i form e le landing page.

A differenza di HubSpot, Marketo offre un’integrazione con Salesforce che è forse tra le migliori in circolazione. Come HubSpot può usare i form smart, ovvero precompilare i campi già conosciuti o chiederne di nuovi, prima di fr scaricare qualcosa.

Non ci sono pacchetti pronti.

Il prezzo varia molto a seconda delle caratteristiche che ti interessano (ricordati: non ti vendono una piattaforma per fare inbound, ma uno strumento tecnologico che puoi usare per gestire differenti azioni di marketing e in modo anche non organico)

5. Pardot

 
pardot-alternative-hubspot.png

 

Pardot  è stato acquistato da Salesforce, è quello con l’integrazione più completa con Salesforce. Ha tutte le funzioni che potresti volere da un software di marketing automation. Ma se non usi Salesforce, dovresti considerare altre piattaforme che offrano una migliore esperienza utente ad un prezzo migliore.

Ci vuole un po’ di tempo per dominarlo e l’interfaccia utente non è delle più confortevoli. Non aspettarti di comprarlo ed usarlo: ci potrebbero volere settimane prima di cominciare a smanettarci davvero sopra per portare casa lead.

Il prezzo parte da 1.000 dollari al mese, fatturati annualmente.

6. ClickDimensions

clickdimensions schermata

ClickDimensions è un software di marketing automation sviluppato per fare coppia con il CRM di casa Microsoft, quel bel malloppone di Microsoft Dynamics. ClickDimensions, come molti altri software simili, ha un sacco di feature pensate per gestire la lead generation, ma - anche in questo caso - siamo lontani da una concezione "inbound-centrica" - come HubSpot.
E poi, parliamone (ma anche no), il look & feel è quello che è, rispetto ad HubSpot.

I prezzi? Non proprio popolari, ma neppure assurdi, si parte da circa 430 $ al mese per il pacchetto più basso e poi su, fino ad un dichiarato di 1.260 $ al mese, ma poi si invia a contattare per pacchetti più "robusti" dal punto di vista della quantità di contatti. 

 A partire da 430 $ al mese

 

7. Menzione d’onore per FrankenSpot

Il peggiore. Tanto Wordpress è un ottimo software, tanto diventa un mostro che drena risorse per essere governato, aggiornato e funzionate, invece che contrarle sul marketing, sulla lead generation e sulla conversione dei contatti.

Non serve che mi dilunghi su FrankenSpot, ne ho parlato diffusamente in un post dedicato: “FrankenSpot

 

Conclusioni

Ok, credo di aver toccato i nervi a più di qualcuno. Ma voi che ne pensate? Credete davvero di poter fare inbound marketing senza utilizzare HubSpot?

 

dimostrazione hubspot gratuita

 

Scritto da Giovanni Fracasso

Mi occupo dello sviluppo strategie inbound marketing & sales. Affianco le aziende nel loro processo di digital marketing (blog, contenuti, call-to-action, landing page, SEO) all'interno di una strategia che punti all'aumento dei visitatori, della conversione in lead e trasformazione in clienti.

Giovanni Fracasso