<img alt="" src="https://secure.perk0mean.com/177371.png" style="display:none;">

HubSpot cos'è e cosa fa

    Indice

HubSpot è un’azienda che ha sede a Cambrige (hubspot.com), nel Massachusetts, e che ha sviluppato la piattaforma software che ha definito il concetto di inbound marketing, l’ha fatto crescere e conoscere nel mondo, presentando una metodologia che oggi viene studiata anche nei corsi di marketing nelle università.

HubSpot presenta 3 soluzioni, integrate in un’unica piattaforma, per fare inbound: HubSpot Marketing Hub, Hubspot Sales Hub e HubSpot Service Hub.

 

Che cos'è HubSpot

HubSpot è un software che fa un sacco di cose. Ma fondamentalmente può essere utilizzato per la gestione completa del web marketing aziendale, dell'attività sales del commerciale, del service e gestione cliente. Fornisce tutti gli strumenti necessari per gestire la presenza online di un’azienda e i rapporti con prospect e clienti.

La logica con cui funziona HubSpot è quella di permettere il tracciamento delle persone che arrivano sul sito web aziendale, se è un sito Hubspot allora il tracciamento avviene automaticamente altrimenti si può procedere all'inserimento del codice di tracciamento, e che entrano in contatto con l'impresa tramite i suoi touchpoint (come l'email, social, ecommerce ecc...).

Il fine è poter costruire delle liste che profilano l’utente in base ai suoi reali interessi, in base alla tipologia di cliente o di stadio nel processo di acquisto in cui si trova.

E non solo. A queste liste di contatti profilati, si possono inviare email e mostrare contenuti diversi sulle nostre pagine nelle visite successive. Si possono inoltre assegnare compiti ai membri del team commerciale in maniera automatica, basandosi quindi sulle relazioni tra i lead e i contenuti del sito/email/social.

Oltre alla parte dedicata alla gestione del web marketing, che l'ha reso famoso, c’è una seconda parte chiamata HubSpot Sales Hub, dedicata al team commerciale e alla gestione dei deal, delle pipeline, delle chat e dei preventivi, in modo da unire in un'unica piattaforma Sales e Marketing tramite il CRM.

HubSpot inoltre è dotato di una parte di ticketing per gestire tutte le problematiche riscontrate dai lead. Anche qui la forza della piattaforma è unire i tool dedicati alla gestione dei ticket con la parte CRM, in un sistema perfetto per chi si occupa di marketing, per il commerciale ma anche e soprattutto per i clienti finali.

Per approfondire altri aspetti legati ad HubSpot:

 

A chi serve Hubspot?

Se ti chiedessero "ma a chi è utile Hubspot?" La risposta sarebbe "A chiunque voglia vendere i propri prodotti, migliorare i loro processi commerciali, fare marketing, tenere monitorate le interazioni con clienti e contatti, migliorare le relazioni con i clienti finali e la loro customer experience".

Tenendo in considerazione questi punti possiamo dire inoltre che Hubspot è utile ad ogni tipo di azienda, dalla PMI ad aziende Enterprise, sia esse che operino in mercati B2B che in mercati B2C.

La versatilità d'uso di Hubspot non è solamente da un punto di vista della struttura dell'azienda ma anche da un punto di vista del prodotto, riuscendo ad adattarsi e a fornire i suoi vantaggi a qualsiasi settore commerciale.

 

HubSpot per fare inbound marketing

HubSpot viene utilizzato dalle aziende che vogliono – finalmente – cambiare il loro modo di interpretare internet, e di considerarlo – alla stregua di una fiera o di un evento – un generatore di lead, con il grande vantaggio che gli utenti raccolti ed inseriti all’interno di un database qui “vivono”, vengono alimentati, compresi, studiati, profilati e si lavora su di essi per trasformarli in clienti.

Andiamo a vedere alcune di queste funzioni…

 

Il sito web con Hubspot CMS

Potete costruire il sito web della vostra azienda all’interno di Hubspot tramite Hubspot CMS. Questo porta notevoli vantaggi: in termini di velocità, sicurezza, performance, SEO e marketing.

Nulla a che vedere con altri CMS come Wordpress che presentano numerose lacune su ogni tipo di caratteristica. Per questo ti consiglio di approfondire il tema con l'articolo sul perché Wordpress sia una delle scelte peggiori da fare per lo sviluppo del proprio sito aziendale.

Che si parli di una pagina del sito web, una landing page, un post del blog o un’email Hubspot offre una potente piattaforma grafica che permette una facile gestione di grafiche complesse, per dare la massima libertà ai designer e massimizzare il rendimento delle conversioni dei visitatori. In questi casi c'è la possibilità di scaricare un template già pronto dallo store oppure procedere con uno sviluppo custom.

Oltre a questo realizzare un sito in Hubspot consente di avere incluso il tracciamento dei comportamenti sintetizzati nella reportistica senza la necessità di inserire script e imbattersi in codice che può essere ostico a più di qualcuno. 

Per ulteriori approfondimenti visita il nostro articolo del blog dedicato ai siti Hubspot.

 

Il blog di HubSpot è semplice e performante

Già nel pacchetto gratuito di HubSpot è possibile utilizzare uno o più blog per lavorare sui contenuti che possono attrarre i visitatori al sito, gestendo all’interno delle comode e funzionali call-to-action. Tutto questo per pianificare strategie di content marketing, in modo da aiutare a pensare contenuti per fare lead generation.

Tutto parte del blog, per quello è da considerarsi come una scelta obbligatoria anche quando si opta per tenere il sito all'esterno e il blog in un subdominio (stile lab.nomedominio.est, academy.momedominio.est, blog.nomedominio.est) 

Si possono ottimizzare i contenti dal punto di vista SEO, tramite alcuni suggerimenti da parte della piattaforma che mette a disposizione un comodo indicatore delle performance integrato.

C'è inoltre la possibilità di verificare con preview la vista su differenti tipi di schermi.

Perché non utilizzare un blog esterno con Wordpress? Perché la quantità di informazioni che si possono gestire in modo integrato direttamente all'interno di HubSpot sono così tante che il gioco - di abbandonare Wordpress - può valere la candela.

 

Per approfondimenti:

Landing page, strumento perfetto per la lead generation

La landing page o pagina di atterraggio è quella pagina in cui avvengono le conversioni dei visitatori anonimi in contatti. Le landing page sono il cuore del processo di conversione e sono uno degli elementi di più difficile realizzazione.

Con HubSpot si possono creare nuove landing page in pochi click (anche grazie al sistema drag-and-drop), predisporre degli A/B test per testare l'efficienza di soluzioni differenti e analizzare il rendimento.

L'analisi delle performance avviene in modo semplice e intuitivo: semplicemente viene mostrata da che fonte e da che campagna di marketing arrivano i contatti e, focalizzando le metriche di analisi su chi di questi contatti (arrivati da ogni singola pagina) è diventato poi cliente, ci permette di calcolare il ritorno dell'Investimento di ogni azione di marketing.

Puoi approfondire sulle landing page su questi post del blog:

 

HubSpot gestisce i social media

Potete utilizzare HubSpot per condividere i vostri messaggi su più canali social allo stesso tempo (sia aziendali che personali), monitorare tutti i canali e comprendere le perfomance della vostra attività social con una serie di statistiche orientate al risultato: il post con più interazioni, quello che ha ricevuto più click... e su tutto, sullo sfondo, la conversione.

Potete programmare i post singolarmente sia in modo massivo, con un comodo strumento, invidiabile per un'azienda che ha un'attività social di qualche genere.

Hubspot dalla sua ha un'ampia possibilità di integrazione con i principali social network come Facebook, Twitter, Instagram, Youtube e Linkedin ma basta accedere all'interno dell'app store di Hubspot per capire che la gestione dei social non è solamente una parte marginale di Hubspot, grazie alle numerose app a loro dedicate.

 

Le newsletter e l'email marketing con HubSpot

Avete presente Mailchimp? Mailup? Ecco, scordatevele. Non perché non siano dei buoni tool, ma perché le stesse funzionalità le possiamo trovare all'interno di HubSpot.

Il vantaggio nell'utilizzare il motore delle email automatiche e delle newsletter di HubSpot è presto detto: tutte le informazioni sull'apertura di una email, sul rimbalzo, sul click e sul dove si è cliccato vanno all'interno delle informazioni del contatto, andando ad arricchire il profilo, aggiungendosi alle informazioni sulle pagine visitate, i click dai sui social e molto altro ancora.

A queste si aggiungono le marketing email, con la possibilità di crearle tramite un editor drag-and-drop, molto simile per funzionalità a quello usato per la creazione del sito e per le landing page. Tutto questo rende Hubspot una piattaforma molto intuitiva e semplice per quanto riguarda queste funzionalità.

Anche per le email c'è la possibilità di inserire al loro interno gli smart content, in modo da offrire un'esperienza personalizzata a chiunque visualizzi la mail.

 

Il CRM, tra il Marketing e il Sales

Il cuore pulsante di Hubspot è il CRM, che fa sostanzialmente da collante tra gli strumenti di marketing, gli strumenti legati alla parte sales e tutta la parte di service. È sostanzialmente il nucleo centrale che prende i dati da ogni touchpoint e li rende disponibili, ma soprattutto utili, a tutti gli altri dipartimenti. 

Il risultato finale è una piattaforma che riesce a migliorare i processi interni mettendo in condivisione e rendendo accessibili i dati a tutti i team che operano. Oltre ad un miglioramento dei processi interni si registra anche un miglioramento della customer experience perché, grazie ad Hubspot, c'è la possibilità di veicolare all'utente finale il giusto messaggio, al tempo giusto.

Di seguito riportiamo alcune funzionalità di Hubspot CRM.

 

Il contatto, il cuore di HubSpot

Una delle cose che mi piacciono di Hubspot è andare all’interno della scheda del lead. Qui troviamo due visualizzazioni: un riepilogo generale e una timeline in cui sono comprese:

  • Tutte le attività dal contatto con il nostro sito comprensive di: pagine visualizzate, form compilati, le landing viste, call to action cliccate, l'origine del contatto (campagna PPC, traffico organico, social ecc...).
  • Tutte le attività commerciali eseguite con la possibilità di loggare call, email e note commerciali e assegnare task agli altri membri del team;
  • Tutti i preventivi inviati al contatto, lo stadio in cui si trova all'interno della pipeline e, nel caso di integrazione con l'ecommerce, i prodotti acquistati;
  • Log automatico di email e conversazioni (anche SMS e Whatsapp) e ticket avvenute con il contatto;
  • Attività derivanti da applicazioni integrate con il CRM (ad esempio integrazioni con Zoom oppure Eventbrite si possono visualizzare le partecipazioni a webinar oppure ad eventi fisici come uno spettacolo);

Non solo perché per quanto riguarda mail oppure per i documenti è attivo un sistema di tracciamento che consente di visualizzate se e quando un documento è stato visualizzato, e i link che possono essere stati cliccati. Il tutto è utilizzabile per arrivare inoltre al punto successivo, quello della segmentazione dei contatti.

Hubspot inoltre funziona per proprietà e ogni qualvolta viene compilato un form i dati e le proprietà di contatto si aggiornano automaticamente. C'è inoltre la possibilità di modifica manuale dei dati, in modo da avere un CRM pulito e una scheda di contatto che possa essere utile alla segmentazione.

All'inizio dell'articolo abbiamo inoltre sentenziato che Hubspot è certamente una piattaforma perfetta per ogni tipo di azienda, menzionando inoltre anche il caso del B2B. A tal proposito Hubspot suddivide i contatti in contatti veri e propri ed aziende. Il funzionamento di quest'ultima è analogo a quello dei contatti: con le interazioni eseguite da ogni contatto, riassunte all'interno della scheda dell'azienda.

 

Le liste (= segmentazione)

Parlare di liste significa parlare di segmentazione dei contatti. Un discorso che ci porta, intimamente, all'essenza di cos'è l'inbound marketing: lead generation, segmentazione e qualificazione commerciale dei contatti, per poter chiudere prima e meglio. 

Quando qualcuno compila un form di Hubspot questo contatto diventa un lead del database, con la possibilità inoltre di classificarlo nelle varie fasi del funnel di vendita, e HubSpot ne traccia i suoi comportamenti tramite un cookie.

All'atto pratico poi, con le liste puoi costruire dei cluster di tutti quelli che hanno visto enne volte la pagina tale, mescolando le informazioni con i click dati sui social, i form compilati, le Call-to-Action cliccate e le email aperte con quelle anagrafiche (età, fatturato, provincia...), e tutte le informazioni di cui abbiamo parlato nel punto precedente.

Avendo un'unica incredibile pipeline che raccoglie tutte le informazioni sul contatto, viene facile poter utilizzare queste informazioni per segmentare i lead e per comprendere meglio a cosa sono interessati, aiutando, quindi, il venditore nel primo contatto commerciale.

Le liste sono utili anche per chi si occupa di marketing all'interno dell'impresa per migliorare i propri risultati. Pensare a strategie di marketing mirate ad un determinato target aiuta a non sprecare tempo e risorse in azioni massive comprendendo anche contatti che non sono minimamente interessati all'offerta.

Per fare tutto ciò si possono combinare le proprietà del CRM per la creazione di un numero pressoché illimitato di liste che possono rispondere alle più disparate necessità.

 

I workflow di HubSpot, ovvero la marketing automation

HubSpot è però anche una piattaforma di marketing automation, forse la più famosa e versatile nel mercato, che permette di alimentare i contatti a seconda delle interazioni che questi hanno con i contenuti del sito o di distribuire compiti al team commerciale interno, quando il contatto viene qualificato per la vendita.

HubSpot gestisce questa funzione con i workflow, rendendo, anche in questo caso, un'applicazione potente e complessa, veramente facile da utilizzare.

A chi sono utili? Anche in questo caso la risposta è "a chiunque". Facciamo alcuni esempi di workflow che possono essere impostati a seconda dell'utilità dei team. Facciamo alcuni esempi:

  • Per il team marketing sono utili i workflow per la lead nurturing, l'invio di email o sms automatici, l'inserimento o la rimozione dalle liste di segmentazione e dai pubblici per le campagne pubblicitarie;
  • Per il team sales è utile per segnalare le opportunità commerciali, per assegnare task automatiche, per impostare note o l'invio di sms o mail interne al verificarsi di determinate condizioni, per ricevere avvisi sui deal aperti;
  • Per il team di assistenza sono utili per la gestione del ticketing in base a determinate condizioni, ad esempio il ticket può essere assegnato ad utenti diversi in base alla località del contatto;
  • Possono essere usati anche per azioni routinarie e di pulizia del CRM stesso tramite la creazione o l'eliminazione di contatti e la modifica delle loro proprietà;

Per approfondire il tema della marketing automation puoi leggere il post del blog "Cos'è la marketing automation" o la pagina di approfondimento "La marketing automation".

 

Strumenti per la conversation

Hubspot mette a disposizione dei suoi utenti anche tutti gli strumenti necessari per essere costantemente attivi e rapidi nella risposta al cliente, consentendoci di avere una inbox dove possono essere gestite tutte le conversazioni in entrata tramite social, email, chat e form.

Oltre a questo Hubspot prevede la funzionalità dei flussi di chat automatici da inserire o nel social come Facebook oppure all'interno della chat del sito internet, in modo da avere una duplice funzione: qualificazione e conversione del visitatore e miglioramento della sua customer experience.

Ulteriori funzioni sono la creazione di template predefiniti di email e snippet di testo che semplificano il lavoro di chi è incaricato a gestire le conversazioni.

 

Reportistica avanzata

Non può ovviamente mancare la parte di reportistica. Hubspot mette a disposizione tutto ciò che è necessario per monitorare i dati e le prestazioni di tutti gli elementi creati con la piattaforma, dalle prestazioni del sito, a quelle dei blog, a tutta la reportistica riguardante la chiusura delle trattative e l'assistenza clienti.

Con Hubspot inoltre è possibile la creazione di report custom che rispondano a specifiche esigenze del business. Questo è possibile tramite la combinazione delle proprietà dei contatti, aziende, deal e ticket, senza contare la possibilità di combinare dati quantitativi e dati del comportamento degli utenti.

Per tirare le somme possiamo affermare che la reportistica in Hubspot è veramente completa.

 

Hubspot Sales: cosa fa

Hubspot, oltre alla parte dedicata al marketing, al CRM e al CMS ha anche una parte dedicata agli inbound sales e dà loro tutti gli strumenti necessari per chiudere le trattative in modo migliore, snellire le operazioni routinarie e offrire un servizio impeccabile.

 Di seguito presentiamo alcuni strumenti usati dal team sales.

 

I deal 

I deal sono letteralmente gli affari dell'impresa in corso, vinti o persi e che sono associati ai contatti oppure alle aziende. La loro gestione è molto similare per quanto riguarda i contatti e le aziende perché comprendono comprendono:

  • Scheda completa del deal con una overview e la timeline con tutte le interazioni avute che riguardano il deal;
  • Possibilità di loggare call, note, task, email o tutto quello che riguarda la gestione del deal;
  • Possibilità di impostare proprietà custom in base alle esigenze;
  • Possibilità di usare i deal, in base al valore delle proprietà, per segmentare la clientela per poi, ad esempio, applicare strategie di marketing personalizzate per chiudere la trattativa.

Nel caso degli ecommerce i deal sono generati automaticamente al checkout.

 

Le pipeline di vendita

Non c'è deal senza pipeline di vendita, ossia tutto il percorso necessario affinché una trattativa possa essere chiusa, in modo positivo o negativo.

Impostare una pipeline di vendita è fondamentale per mantenere sotto osservazione lo stato delle trattative, per capire dove ci sono problemi con la chiusura e avere chiara la  situazione delle trattative aperte, in stato di chiusura e chiuse.

La pipeline è personalizzabile e possono essere impostate più pipeline nel caso di diversi canali commerciali. Nel caso specifico degli ecommerce, i deal generati dagli ecommerce sono automaticamente inseriti all'interno della pipeline e sono aggiornati costantemente.

 

I preventivi e documenti in Hubspot

È possibile creare i preventivi all'interno di Hubspot e collegarli al deal, al contatto e all'azienda di riferimento con la possibilità di realizzarli anche a livello grafico, di scaricarli e stamparli.

Questo rappresenta una delle utilità maggiori per tutto il reparto commerciale. Oltre a questo con Hubspot, attualmente disponibile solo per il mercato USA ma che probabilmente immaginiamo verrà esteso, si può aggiungere al preventivo i metodi di pagamento desiderati con la possibilità di accelerare i processi di pagamento. 

Per quanto riguarda i documenti commerciali, è possibile la loro creazione all'interno di Hubspot e, una volta creati, è possibile avere il tracciamento dei click e tutti i dati relativi alla loro visualizzazione.

 

Hubspot Service Hub per l'ultima fase del funnel

Per la fase l'ultima fase del funnel di marketing, dedicata alla fase del post acquisto, Hubspot mette a disposizione una serie di strumenti per gestire e tenere monitorate le problematiche e i feedback da parte degli utenti, essenziali per chi vuol fidelizzare la propria clientela.

In particolar modo permette la gestione dei ticket, essenziali per risolvere problematiche all'azienda. Anche in questo caso la loro gestione è analoga a quella di contatti, aziende e deal e prevede la possibilità di:

  • Creazione automatica del ticket tramite workflow;
  • Scheda riepilogo del ticket con annessa timeline dedicata;
  • Inserimento di note, task, email ecc... all'interno del ticket;
  • Possibilità di utilizzare le proprietà dei ticket per segmentare i clienti;

Oltre a questo Hubspot mette a disposizione anche una sezione per tenere monitorati i feedback dei clienti e un portale clienti.

 

Le possibilità di integrazione di Hubspot

Hubspot non è una piattaforma a sé stante ma può essere integrata anche ad altri software, in modo da costruire un ecosistema integrato di dati, perfetto per segmentare e chiudere trattative commerciali.

Ciò che può essere integrato con Hubspot possono essere:

  • Piattaforme ecommerce;
  • Applicazioni;
  • Altre piattaforme per la gestione dei dati;

L'integrazione con gli ecommerce

La prima integrazione che andiamo ad analizzare è quella relativa agli ecommerce, come possono essere Shopify oppure BigCommerce. Hubspot infatti si integra con le piattaforme ecommerce, in modo da offrire ai propri utenti la possibilità di avere tutte le funzionalità che abbiamo visto nei punti precedenti anche a servizio dell'ecommerce, per questo hubspot è definibile anche come un ecommerce crm.

Hubspot possiede un'integrazione nativa con Shopify, ciò significa che in pochi click si può arrivare a sincronizzare i dati del negozio online e utilizzarli, insieme agli altri derivanti dagli altri touchpoint, per segmentare i contatti e offrire loro un'esperienza in linea con le loro esigenze.

Per ulteriori info ti consigliamo il nostro articolo sull'integrazione tra Hubspot e Shopify.

Sempre per quanto riguarda gli ecommerce, è possibile integrare anche BigCommerce con Hubspot, questa volta però è necessario richiedere ad un'agenzia lo sviluppo di un connettore per la data integration.

 

Le applicazioni

Hubspot dispone di un ecosistema di applicazioni che possono essere utile a chiunque si interfacci con la piattaforma. Facciamo alcuni esempi:

  • Applicazioni per il marketing: comprende una vasta gamma di applicazioni che variano dai social network, alle app per la gestione delle campagne ADV, ad altre applicazione per la gestione di webinar, eventi ecc...;
  • Applicazione per una migliore gestione del back office: comprende applicazioni per l'integrazione a varie app di messaggistica e di caselle postali, app per la gestione di video conferenze, sincronizzazione dei dati da altri CRM ecc...;
  • Applicazioni per la gestione del customer service;
  • Applicazioni per una migliore gestione della produttività, con applicazione per le automazioni, per la gestione dei progetti di gruppo ecc...;
  • Applicazioni per la gestione della parte finanziaria con la creazione di preventivi e integrazione con applicazioni per la loro gestione;

Altre Piattaforme

Hubspot può integrarsi anche con altre piattaforme per migliorare ulteriormente l'usabilità della piattaforma e per una gestione del dato quanto più completa possibile. L'integrazione può avvenire tramite lo sviluppo di un connettore tra Hubspot e l'altra piattaforma.

Le piattaforme con cui Hubspot può essere integrato sono: PIM (Product Asset Management), ERP, DAM (Digital Asset Management) e qualsiasi altro software aziendale.

Il tuo ecosistema di dati integrando ERP, ecommerce, PIM, CRM e altri sistemi. Scopri come

 

HubSpot: quanto costa?

Arriviamo alla parte che tanti sottovalutano. Il prezzo di Hubspot infatti non va considerato come una parte a sé stante ma va valutato tenendo conto di ciò che può dare ad un'impresa la piattaforma. 

Abbiamo visto moltissime funzionalità che, se usate con una logica alle spalle, possono fare la differenza all'interno delle aziende. Pertanto quando si decide di investire in un asset aziendale come Hubspot ciò che consigliamo è quello di non guardare solamente il prezzo ma di valutare il ROI e i vantaggi non monetari che queste piattaforme portano con loro.

Hubspot, come pricing, divide i suoi prodotti in: un pacchetto gratuito, singoli pacchetti con 3 livelli di pricing, un pacchetto di strumenti unico con 3 livelli di pricing e pacchetti personalizzabili a seconda delle esigenze delle imprese.

 

Pacchetto gratuito

Il primo pacchetto che offre Hubspot è un pacchetto con funzionalità GRATUITE per chi volesse iniziare a prendere confidenza con la piattaforma e andare a vedere come funzionano gli strumenti messi a disposizione. 

In quanto gratuito non ci si deve attendere grandi cose, funzionamento ottimale e grandi possibilità di manovra. Però questo pacchetto include tra le funzionalità più importanti:

  • Strumenti di marketing: form, email marketing, ad management, Landing pages;
  • Strumenti per i commerciali: live chat, email di gruppo, preventivi personalizzabili;
  • Strumenti per la parte service: ticketing, live chat, inbox e schedulazione di email;
  • Per la parte CMS: editor drag-and-drop, ottimizzazione per dispositivi mobili, blog, website pages;

Piano Starter

Hubspot è dotato di una sorta di starter kit, ideale per chi inizia a progettare strategie di marketing per chi ha piccole aziende, per migliorare la loro operatività nei vari reparti.

Per questo piano c'è la possibilità di acquistare, in base alle esigenze:

  • Pacchetto CRM Suite - Prezzo a partire da 41 €/mese con una limitazione di 1000 contatti marketing, 2 utenti per la parte sales e 2 utenti per la parte service, con i contatti marketing e gli utenti che sono estensibili.

Il pacchetto CRM Suite Starter è completo di una serie di pacchetti che possono essere acquistati singolarmente e che sono:

  • Strumenti di marketing - Prezzo a partire da 41 €/mese con limite di 1000 marketing contact, estensibili con aggiuntivi 41,40 €/mese ogni 1000 aggiunti;

  • Strumenti Sales - Prezzo a partire da 41 €/mese con limite di 2 utenti, estensibili con aggiuntivi 21 €/mese per ogni utente addizionale;

  • Strumenti di Customer Service - Prezzo a partire da 41 €/mese con limite di 2 utenti, estensibili con aggiuntivi 21 €/mese per ogni utente addizionale;

  • Strumenti CMS - Prezzo a partire da 21 €/mese

  • Strumenti operation - Prezzo a partire da 41 €/mese

Resta comunque salva la possibilità di combinare più pacchetti a seconda delle esigenze.

 

Piano Professional

Step successivo è dato dal piano Professional, ideale per le aziende medio grandi. Per questo piano è previsto:

  • Pacchetto CRM Suite - Prezzo a partire da 1.474 €/mese con una limitazione di 2000 contatti marketing, 5 utenti per la parte sales e 5 utenti per la parte service, con i contatti marketing e gli utenti che sono estensibili.
Il pacchetto CRM Suite Professional è completo di una serie di pacchetti che possono essere acquistati singolarmente e che sono:
  • Strumenti di marketing - Prezzo a partire da 740 €/mese con limite di 2000 marketing contact, estensibili con aggiuntivi 206,74 €/mese ogni 5000 aggiunti;

  • Strumenti Sales - Prezzo a partire da 414 €/mese con limite di 5 utenti, estensibili con aggiuntivi 81 €/mese per ogni utente addizionale;

  • Strumenti di Customer Service - Prezzo a partire da 414 €/mese con limite di 5 utenti, estensibili con aggiuntivi 81 €/mese per ogni utente addizionale;

  • Strumenti CMS - Prezzo a partire da 331 €/mese

  • Strumenti operation - Prezzo a partire da 662 €/mese

Resta comunque salva la possibilità di combinare più pacchetti a seconda delle esigenze.

 

Piano Enterprise

È il piano con tutte le funzionalità di Hubspot sbloccate al 100% delle loro potenzialità. Questo tipo di piano è adatto a grandi aziende o alle aziende che hanno grandi progetti su cui possono calcolare il ritorno sull'investimento.

  • Pacchetto CRM Suite - Prezzo a partire da 4.593 €/mese con una limitazione di 10.000 contatti marketing, 10 utenti per la parte sales e 10 utenti per la parte service, con i contatti marketing e gli utenti che sono estensibili.

Il pacchetto CRM Suite Enterprise è completo di una serie di pacchetti che possono essere acquistati singolarmente e che sono:

  • Strumenti di Marketing - Prezzo a partire da 3.300 €/mese con limite di 10.000 marketing contact, estensibili con aggiuntivi 92 €/mese ogni 10.000 aggiunti;

  • Strumenti Sales - Prezzo a partire da 1.104 €/mese con limite di 10 utenti, estensibili con aggiuntivi 110 €/mese per ogni utente addizionale;

  • Strumenti di Customer Service - Prezzo a partire da 1.104 €/mese con limite di 10 utenti, estensibili con aggiuntivi 110 €/mese per ogni utente addizionale;

  • Strumenti CMS - Prezzo a partire da 1.104 €/mese

  • Strumenti Operation - Prezzo a partire da 1.840 €/mese

Resta comunque salva la possibilità di combinare più pacchetti a seconda delle esigenze.

Per ulteriori informazioni e il dettaglio dei piani completi ti rimandiamo nella sezione pricing direttamente sul sito di Hubspot.

 

Considerazioni finali

Abbiamo visto nel dettaglio la piattaforma di Hubspot e come e a chi può essere utile. Hubspot quindi non è solo CRM, non è solo marketing, non è solo sales e non è solo assistenza cliente ma è un insieme di questi punti a servizio delle aziende.

La crescita aziendale è sicuramente uno degli obiettivi che Hubspot si pone e per farlo cerca di mettere a disposizione alle aziende tutto ciò che è necessario per aumentare il livello di customer experience e organizzazione aziendale.

Per approfondire ulteriormente il tema puoi sempre scaricare gratuitamente il nostro ebook oppure contattare un'agenzia Hubspot per farti fare una consulenza o richiedere una demo gratuita.

 

Porta l'inbound marketing in azienda con Hubspot - clicca per scoprire come

 

 

 

Giovanni Fracasso

Giovanni Fracasso

Digital Manager Mi occupo dello sviluppo strategie inbound marketing & sales. Affianco le aziende nel loro processo di digital transformation (l'uso dell'inbound marketing per cambiare il commerciale di un'azienda) con la metodologia inbound marketing, puntando all'aumento dei visitatori sul sito aziendale, della conversione in lead del maggior numero di essi e trasformazione in clienti. BIO Sono nato nel tardo pomeriggio di un lunedì - secondo me piovoso - di un 19 gennaio come tanti. Correva l'anno 1972. Potrei ovviamente sbagliarmi su una data o su un riferimento, perché non sono bravo a ricordarmi le date e i numeri. Ho passato i primi anni scolari con tutti che mi dicevano "sei portato per la matematica", fino al compito d'esame di 5° liceo, dove me ne sono uscito con un bel 2. Tanto che mi sono laureato in Lettere e Filosofia, un corso di Laurea di Storia, in quel di Ca' Foscari, a Venezia. Credo fosse il 2000, ma anche qui potrei sbagliarmi. Ve l'ho detto, non sono bravo con i numeri. Nel mezzo un sacco di altre cose: mentre studiavo facevo il giornalista per il Gazzettino, per la Domenica di Vicenza e altre testate locali. Sono stato direttore e fondatore di una periodico locale (Il Corriere Vicentino), poi sono andato in Spagna e ho vissuto quasi 5 anni a Barcelona. Poi, la vita, l'amore e il denaro... e oggi vivo ad Arzignano, sono padre di una bambina nata nel 2010 e sono pazzamente innamorato di lei. Oltre alla bambina, ho un mutuo da pagare e un cane. Se potrebbe non mancarmi tutto questo, probabilmente dedicherei le mie giornate all'alcol e alla vita dissoluta. Invece non bevo e non faccio - quasi - mai festa: sono concentrato al 100% sul mio lavoro e mi piace un sacco quello che faccio. Cosa faccio? Beh, ha molto a che fare con l'inbound, l'eCommerce, il valore del dato per le aziende e la trasformazione digitale delle stesse.