Sommario

Stai pensando di creare un blog per la tua azienda? È un'ottima idea e una scelta intelligente. Il blogging non solo ti aiuta a posizionarti nei risultati della ricerca, ma dimostra che sei un esperto nel tuo settore, aumentando la tua autorità su determinati argomenti inerenti al tuo business.

Quando decidi di fare il grande passo del blogging, devi fare una scelta. Scrivi tu stesso i contenuti per il blog (utilizzando le risorse che hai a disposizione o assumendo qualcuno ad organico) o ti rivolgi ad un'agenzia esterna, a qualcuno che lo faccia per te?

Diamo uno sguardo più da vicino ai vantaggi e agli svantaggi per ognuno dei due approcci.

 
 

Scrivere sul blog: perché dovresti farlo internamente

Nessun altro sa quello che sai, e nessuno conosce la tua area disciplinare meglio di te. Ecco perché ha molto senso scrivere il tuo blog aziendale da solo.

 

a. Benefici del fai da te

Quando crei contenuti internamente, puoi mettere in evidenza la tua esperienza e e la tua competenza in ogni articolo. Non è qualcosa che un autore di blog in outsourcing  può fare - non aiuta i veri clienti a risolvere i loro problemi ogni giorno. Sarai in grado di fare riferimento alle conversazioni effettive dei clienti mentre scrivi, il che aggiunge profondità e un contesto ai tuoi contenuti.

Anche la scrittura di blog “fai da te” dà autenticità ai tuoi contenuti.

I tuoi post del blog sono scritti con parole che usi effettivamente, e narrano di storie nate dalla tua esperienza personale. 

Mentre leggono, i tuoi clienti si sentiranno come se ti stessero davvero conoscendo. Anche in questa era di Internet, i rapporti umani contano davvero. Le persone vogliono lavorare e comprare da persone con cui sentono un 'affinità.

Un altro importante vantaggio del fai da te è che non stai pagando qualcuno che dovrà in aggiunta mettersi al passo con te. Anche se assumi uno scrittore che è già profondamente immerso nel tuo settore, dovrà dedicare del tempo a imparare a conoscere le tue offerte, i case study e il modo in cui lavori.

 

b. Sfide del fai-da-te

A meno che tu non sia già uno scrittore esperto, non è facile iniziare a scrivere un blog. Devi imparare e capire cosa serve per scrivere un buon post, quindi esercitarti abbastanza per migliorare la tua scrittura. All'inizio ci vorrà molto tempo per un singolo articolo. Inoltre, per assicurarti che il tuo tempo sia dedicato alle attività giuste, dovrai conoscere le migliori pratiche di marketing digitale, SEO e inbound marketing. Infine, dovrai trovare il tempo per scrivere effettivamente. Non è possibile buttare giù un buon post in pochi minuti: aspettati di mettere da parte come minimo un paio d'ore per scrivere, specialmente se sei un “novellino” o vuoi includere molte ricerche.
 
 

Scrittura sul blog: perché dovresti affidarti ad un professionista esterno

Se stai rimandando il lancio di un blog perché non hai il tempo di occupartene personalmente, la soluzione è trovare qualcuno che possa concentrarsi sulla creazione dei tuoi contenuti. Non ti preoccupare, questo non è barare: molte aziende che pubblicano regolarmente grossi articoli articoli spesso affidano a degli esperti il loro blog di scrittura. 

 

a. Benefici dell'outsourcing

Uno dei principali vantaggi dell'outsourcing è che ti porta via molto meno tempo.

Non è necessario imparare come scrivere o educare te stesso sulle migliori pratiche di digital marketing, né devi passare una giornata intera a scrivere un post sul blog. Invece, puoi periodicamente (ogni mese o settimana) incontrare il tuo “scrittore” e parlare del tuo piano editoriale. Quindi potrai tornare al tuo lavoro pianificato regolarmente mentre altri inizieranno a creare i tuoi contenuti sulle tue indicazioni.

Una volta terminato, basta rivederlo per apportare eventuali modifiche ed ecco fatto. Facile, no?

Quando si opta per l’outsourcing , si beneficia anche di lavorare con qualcuno che sa davvero come sfruttare i blog per ottenere risultati.

Un esperto sa scrivere articoli interessanti che attireranno i tuoi lettori: inoltre sa come identificare le parole chiave da seguire, può scrivere titoli e meta description che verranno cliccate nei risultati di ricerca e possono interpretare le tue analisi per vedere quali tipi di post sono più efficaci per raggiungere i tuoi potenziali clienti. Possono anche scrivere messaggi social accattivanti e sono in grado di caricare il contenuto nel tuo sito web senza causare errori HTML (un'attività spesso dispendiosa in termini di tempo e stress).

Infine, l'outsourcing è ottimo perché garantisce il regolare aggiornamento del blog, il che è fondamentale per aumentare il posizionamento nelle ricerche. Si presume che il professionista esterno sia esperto anche di SEO e che ottimizzi i testi e i link tra gli articoli per ottenere il massimo del rendimento per i motori di ricerca.

Quando affidi a esterni la scrittura del blog, poi, sei il cliente.

Ciò significa che terminare i tuoi contenuti in tempo è la priorità dell’autore dei tuoi articoli e che hai la garanzia di pubblicare i contenuti in tempo e con regolarità (indipendentemente da ciò che sta succedendo nella tua azienda!).

 

b. Sfide dell'outsourcing

Ad essere sinceri, un bravo scrittore può essere difficile da trovare. L'ultima cosa che vuoi nel tuo blog sono articoli scritti male che non generano interesse o traffico, poiché non presentano un contenuto interessante o sono andati fuori tema, facendo perdere così prestigio al tuo blog sul web.

Molte aziende si scoraggiano perché non sanno come valutare se uno scrittore è in grado di soddisfare le loro esigenze.

L'outsourcing richiede anche che tu abbia una solida conoscenza del tuo settore e che sia in grado di comunicare le esigenze dei tuoi buyer persona. La colpa per lo scarso risultato di un blog in outsourcing può dunque dipendere da te, e non dall'autore: offrigli contenuti e spunti interessanti, e soprattutto informazioni pertinenti sui tuoi clienti ideali, o i risultati non si faranno vedere.

 

Vuoi mettere insieme le due cose?

Fortunatamente, è possibile ottenere il meglio di entrambe queste due pratiche utilizzando una tecnica chiamata outsourcing strategico.

Se vuoi che qualcuno trasformi le tue parole in articoli, considera l'abbinamento con uno scrittore che è anche un buon intervistatore.

Una conversazione di 15 minuti può essere trasformata in un post sul blog, mentre una chiamata di mezz'ora potrebbe trasformarsi in diversi articoli più piccoli, oppure in uno più vasto ed approfondito.

La collaborazione con un intervistatore esperto rende i tuoi contenuti più personali perché lo scrittore riesce a percepire che cosa vuoi trasmettere, e sarà in grado di chiederti esempi specifici da includere nell'articolo.

O se vuoi scrivere tu stesso gli articoli, ma hai bisogno di aiuto per assicurarti che tu stia facendo bene, prova a lavorare con uno stratega di Inbound Marketing: egli può aiutarti a scegliere le parole chiave su cui concentrarti e guidarti ad analizzare l'impatto dei tuoi sforzi sul blog.

Può anche correggere i tuoi articoli per assicurarsi che siano più convincenti, avere gli elementi SEO di cui hanno bisogno e aderire alle migliori pratiche di marketing dei contenuti. 

Conclusione

Sia che tu decida di scrivere da solo il tuo blog, sia che tu preferisca affidarlo ad esterni, la cosa più importante è iniziare per poter iniziare a beneficiare dei vantaggi di una propria voce sul web.

E per lanciare il blog, non fare le cose a caso... inserisci il tuo blog all'interno di una strategia di inbound marketing, per generare lead, segmentarli e qualificarli commercialmente, aiutando i venditori a chiudere di più e meglio.

 
 
Scarica gratis eBook 32 esempi di inbound marketing
 

Scritto da Giovanni Fracasso

Digital Manager Mi occupo dello sviluppo strategie inbound marketing & sales. Affianco le aziende nel loro processo di digital transformation (l'uso dell'inbound marketing per cambiare il commerciale di un'azienda) con la metodologia inbound marketing, puntando all'aumento dei visitatori sul sito aziendale, della conversione in lead del maggior numero di essi e trasformazione in clienti. BIO Sono nato nel tardo pomeriggio di un lunedì - secondo me piovoso - di un 19 gennaio come tanti. Correva l'anno 1972. Potrei ovviamente sbagliarmi su una data o su un riferimento, perché non sono bravo a ricordarmi le date e i numeri. Ho passato i primi anni scolari con tutti che mi dicevano "sei portato per la matematica", fino al compito d'esame di 5° liceo, dove me ne sono uscito con un bel 2. Tanto che mi sono laureato in Lettere e Filosofia, un corso di Laurea di Storia, in quel di Ca' Foscari, a Venezia. Credo fosse il 2000, ma anche qui potrei sbagliarmi. Ve l'ho detto, non sono bravo con i numeri. Nel mezzo un sacco di altre cose: mentre studiavo facevo il giornalista per il Gazzettino, per la Domenica di Vicenza e altre testate locali. Sono stato direttore e fondatore di una periodico locale (Il Corriere Vicentino), poi sono andato in Spagna e ho vissuto quasi 5 anni a Barcelona. Poi, la vita, l'amore e il denaro... e oggi vivo ad Arzignano, sono padre di una bambina nata nel 2010 e sono pazzamente innamorato di lei. Oltre alla bambina, ho un mutuo da pagare e un cane. Se potrebbe non mancarmi tutto questo, probabilmente dedicherei le mie giornate all'alcol e alla vita dissoluta. Invece non bevo e non faccio - quasi - mai festa: sono concentrato al 100% sul mio lavoro e mi piace un sacco quello che faccio. Cosa faccio? Beh, ha molto a che fare con l'inbound, l'eCommerce, il valore del dato per le aziende e la trasformazione digitale delle stesse.

Giovanni Fracasso