Sommario

Ho lavorato in UX per circa 2 anni. D'ora in poi, ho intenzione di rimuovere la parola "utente" e tutti i termini associati, come "UX" e "user experience", dal mio vocabolario. Ci vorrà del tempo. Inizierò cercando di evitare di usarli nelle conversazioni al lavoro.

Troverò nuovi modi per descrivere il mio lavoro quando bevo uno Chardonnay. Sperimenterò e cercherò qualcosa di meglio.


Non ho alternative forti da offrire in questo momento, ma sono certo che ne troverò qualcuna. Lo considero una sfida. Le parole "U" sono ovunque in tecnologia, ma non riflettono più i miei valori o il mio approccio al design e alla tecnologia.

Posso continuare a usare il linguaggio in cui non sono d'accordo, o posso iniziare a creare il mio.
Nella progettazione del prodotto, "utente" e le altre parole U sono state fondamentali per definire la relazione tra uomo e tecnologia.

Il primo utilizza. La seconda è utilizzata.

 

Etichettare le persone


Ma etichettare le persone come utenti le strappa alla complessità. Riduce gli esseri umani ad un singolo comportamento, supportando una visione delle persone più simile a dei robot la cui unica funzione è utilizzare un prodotto o una funzione.

Questa è una pessima filosofia per la costruzione di tecnologia etica. Se manteniamo una visione così ristretta e piatta come pietra angolare della nostra disciplina, temo che faremo pochi progressi verso l'evoluzione del design per soddisfare le pressanti esigenze di un mondo che cambia.


Come termini, trovo le parole U non etiche e obsolete.


La relazione descritta da queste parole non è più accurata. Molto tempo fa, la linea tra operatore e tecnologia è stata disegnata molto più chiaramente. Adesso? Non così tanto.

Sì, quando apri un'applicazione sul tuo telefono intendi farne uso, ma gli ultimi anni insegnato che anche l'applicazione intende servirsi di te.

Gli incidenti di Facebook e altre società tecnologiche di alto profilo hanno chiarito che "utilizzare" è una strada a doppio senso.


In parole povere, le parole U hanno origine in un'epoca più ottimista e ingenua. Come termini, li trovo non etici e obsoleti, e quindi ho dei dubbi che possano introdurre i miglioramenti tecnologici di cui abbiamo disperatamente bisogno.

 

Il termine UX Design


Il termine UX design ha iniziato la sua ascesa allo standard del settore nel 2009.

E credo che dovremmo regolarmente mettere in discussione ed esaminare la terminologia che usiamo per assicurarci che i nuovi termini non siano stati diluiti o gli siano stati cambiati i significanti. Non lo abbiamo fatto e, di conseguenza, le parole U sono arrivate a significare cose che ora trovo irriconoscibili.

null


Il design UX è decollato come termine vicino all'inizio del 2009. Screenshot da Google Trends


In un'e-mail da parte dell'Assemblea generale degli Stati Uniti, il design UX è stato definito come un modo per "creare prodotti ed esperienze che risolvono i problemi dei clienti" in modo che "i marchi possano far tornare indietro quei clienti".


UX significa risolvere il problema di un cliente in modo che continui a tornare per saperne di più? Questa è una definizione per me stretta e oscura di ciò che può fare un buon design, e mi preoccupa che venga usato in una e-mail che recluta i potenziali studenti in un programma di formazione e che promette di lanciarli in carriere di successo nel campo della tecnologia.

null


Estratto da un messaggio di posta elettronica dell'Assemblea generale sull'esperienza utente e sul design. Screenshot: Adam Lefton

Prima dell'internet delle cose , prendersi cura dell'esperienza dell'utente significava preoccuparsi del modo in cui una persona interagiva e trovava informazioni su semplici siti web.

 

Il 2019 e la Rete delle Cose


Oggi è il 2019 e nulla si può più considerare semplice. Molte delle nostre interazioni avvengono attraverso schermi e dispositivi e l'uso di queste nuove tecnologie su vasta scala ha avuto conseguenze impreviste nelle arene sociali, politiche ed emotive delle nostre vite.


Il fatto che le persone usino qualcosa, non sempre lo rende una cosa buona.

Potrebbe sembrare fosse una misura produttiva quando i siti web erano repository di informazioni relativamente semplici, ma in un mondo in cui le persone si sentono sempre più oppresse dall'uso e dalla dipendenza dei loro dispositivi e le nostre tecnologie più diffuse sono state usate contro di noi, non possiamo più prendere in considerazione qualcosa di così fondamentale come "usare" un segno di successo.

 

È una barra di valutazione troppo bassa.


Nel mondo del design, l'utente occupa un piedistallo. Teniamo gli utenti in grande considerazione. Ci preoccupiamo per i nostri utenti. Vogliamo che le cose belle accadano per loro, e così facciamo tutto su di loro, andando fino a rendere l'utente il nostro omonimo. Lavoriamo in organizzazioni di progettazione dell'esperienza utente. Ci definiamo designer UX. Distribuiamo le attività di sviluppo in User story.

 

Possiamo preoccuparci se ci riferiamo costantemente a persone con un linguaggio, presagendo una relazione che, per nostro conto, va bene solo quando continuano a tornare ancora e ancora, a volte a loro detrimento?

 

Una contraddizione come questa esige che diamo un'occhiata più da vicino a queste parole. Dire "utente" spoglia una persona delle proprie circostanze: elimina il contesto e riduce le persone a un singolo atto.

 

Fuori contesto


"Utente" ha sempre avuto altre connotazioni molto più odiose al di fuori del nostro settore. Per esempio, chiamare qualcuno un tossicodipendente è diverso dal dire che qualcuno ha un problema con la droga.

 

Dicendo "utente", uno implica che una buona parte della responsabilità per una dipendenza da droga appartiene alla persona con la dipendenza. Suggerisce che questo uso è un atto di autonomia - qualcosa che fanno, qualcosa sotto il loro controllo - quando in realtà sappiamo che le dipendenze da droghe non sono nulla di simile e possono derivare da complesse circostanze socioeconomiche e di salute mentale.

 

Dire "utente" spoglia una persona delle proprie circostanze, di ogni influenza nella propria vita, della propria storia, elimina il contesto e riduce le persone a un singolo atto.


Immaginate un mondo in cui tutti operano come se miliardi di persone facessero affidamento alla tecnologia per gestire le loro vite quotidiane e migliorare il mondo che li circonda. Questo è quello che abbiamo adesso.


Altri hanno già scritto in modo eloquente su come il design ha bisogno di smettere di concentrarsi su come i prodotti funzionano in situazioni di un utente isolato e iniziare a considerare come l'innovazione può e dovrebbe funzionare a livello sociale.

Non penso che sappiamo ancora cosa questo comporti, e certamente non in scala, ma una cosa che so è che le parole U non possono volare dalle polene di questa nuova nave. Sono troppo poco interessanti.

 

Conclusione


Anche se le parole U dominano gran parte della mia industria, senza di loro, sono ancora un designer e un capannonico. Senza di loro, sono ancora un risolutore di problemi e un filofatturatore. Sono ancora una persona che vuole costruire cose che forniscano valore nella vita di altri esseri umani.

Ma penso che il mio cambiamento di linguaggio mi renderà migliore nel mio lavoro.


Senza le parole-U, posso iniziare il duro lavoro di ridefinire il modo in cui penso al design. Posso avere conversazioni difficili. Posso iniziare a sviluppare quadri che vanno oltre l'uso e verso misure di successo più profonde, come la produttività, la felicità e il benessere. Posso iniziare a fare meglio.