Sommario

Parole dell'anno: Umano, privacy, amore. Ma anche relazioni, storytelling e influencer. In questo post vi faccio un breve recap della situazione e vi parlo un poco di quelle che secondo me saranno le tendenze per il 2019.

L'attenzione dei consumatori è diffusa su varie piattaforme sociali, per non parlare di app e altre derivazioni online. I marchi che sperano di catturare l'attenzione dei consumatori (e i loro portafogli) devono prestare attenzione al modo in cui il loro pubblico utilizza queste piattaforme. In sostanza, così come le tendenze si evolvono sui social media, così il marketing deve essere pronto a rispondere.

Con l'inizio di un nuovo anno, è tempo di guardare nella sfera di cristallo delle tendenze emergenti sui social media. Cosa influenzerà gli utenti dei social media? Cosa significa questo per il brand marketing? E di cosa dobbiamo essere consapevoli di rimanere attuali e rilevanti nel 2019?

Ecco le prime 10 tendenze sui social media da tenere d'occhio nel nuovo anno.

 

1. Ricostruire la fiducia nelle piattaforme di social media.

Le piattaforme di social media continuano a crescere ogni anno - infatti, Facebook ha più di 2 miliardi di utenti attivi ogni mese. Tuttavia, la prospettiva non è completamente rosea. La fiducia dei consumatori nei social media è su un terreno instabile.

Gli utenti stanno crescendo più delle informazioni che trovano sui social media. E i marketer in questo contribuiscono quando non riescono a etichettare correttamente i post pubblicitari a pagamento o bombardano una piattaforma con pubblicità mirate che sommergono gli utenti. Tutto ciò può lasciare l'utente diffidente nei confronti sia del brand che della piattaforma.

Le generazioni più giovani hanno poca tolleranza per il marketing outbound in quanto inaffidabile. I brand dovranno cercare modi per costruire la fiducia dei consumatori. Ciò significa concentrarsi sui modi per connettersi autenticamente con il pubblico e sui modi per evidenziare la propria umanità. I brand devono connettersi con il loro pubblico a un livello significativo. A nessuno piace essere costantemente sommersi di pubblicità. Ancora peggio è quando vieni commercializzato e non te ne accorgi.

2. I social media riguardano la narrazione.

La popolarità dei social media è radicata nel fatto che ci permette di condividere le nostre esperienze di vita con amici e famiglia. Dobbiamo raccontare le nostre storie attraverso i nostri post e possiamo vedere un'istantanea della vita di tutti gli altri attraverso i nostri feed di notizie. All'inizio era attraverso messaggi scritti e foto, ma i contenuti video sono sempre più popolari.

I social media si stanno adattando, abbracciando nuovi modi per permettere alle persone di raccontare le loro storie e condividere la loro narrativa con il mondo. Instagram, Snapchat e Facebook stanno adottando questa tendenza e stanno cambiando il modo in cui utilizziamo i contenuti dei social media.

Questo apre la porta ai marchi per condividere più storie umane, che ispireranno il pubblico a provare il loro prodotto. Lo storytelling deve essere reale, immediato e personale, ma richiede anche un mix di video, immagini e grafica più intensivi, e richiede che i marchi siano più creativi e premurosi nel realizzarlo.

3. Costruisci una narrativa del brand.

Oltre ad affinare le loro storie umane, le aziende avranno bisogno di costruire una narrazione strategica dietro al loro marchio. Le narrazioni catturano momenti ed esperienze tra un utente e un prodotto: sono le conversazioni che si stanno verificando più spesso, creando un cambiamento più ampio e più positivo.

Queste narrative possono essere distribuite attraverso i social media e i media digitali e riflettono ciò che la comunità di un brand sta dicendo su di loro. Se un marchio può costruire una storia più ampia, avrà una migliore possibilità di successo.

Le narrative del marchio devono essere avvincenti e guidare il pubblico verso un'azione. Valuta il tuo brand storytelling e assicurati che sia stimolante e che si distingua dal caos di altri contenuti dei social media.

4. Qualità e creatività rispetto alla quantità.

I professionisti del marketing hanno spesso una reazione istintiva alle tendenze allagando piattaforme con contenuti mediocri e privi di ispirazione nella speranza di cavalcare l'onda del trend. I potenziali clienti reagiscono spegnendo e rapidamente ignorando la messaggistica subpar. La soglia per acquisire attenzione e fiducia da parte dei clienti è cresciuta in modo esponenziale. I marketer che sperano di prendere in considerazione il consumatore devono essere disposti a fare il possibile per creare contenuti coinvolgenti.

 

48407147_1780903638688187_3209705227250827264_n

sopra: Classico esempio di comunicazione subpar, poco coinvolgente e mediocre

Quindi, per avere un impatto, i marchi devono essere risoluti e creativi. Meno contenuto, se è stato pensato con cura ed è ben posizionato, avrà un impatto maggiore di un'abbondanza di contenuti insipida, pesante, superficiale o noiosa.

 

5. Metti un volto umano al tuo marchio.

Il personal branding è un must sui social media. Mettere un vero volto umano a un brand è fondamentale per creare fiducia e lealtà, soprattutto per le piccole imprese relativamente sconosciute. Il personal branding conferisce a un'azienda un elemento umano che connetterà in modo naturale i clienti e renderà il marchio più facilmente riconoscibile. Le aziende che imparano a promuovere il loro elemento umano avranno un vantaggio reale su coloro che si nascondono dietro un logo.

sopra: Mai dare a qualcuno dell'amministrazione gli accessi all'account di fb

Una tendenza popolare nell'umanizzare un'azienda è promuovere il marchio personale del titolare dell'attività o un leader di alto livello [CIAO GIOVANNI FRACASSO :)]. Questo può essere fatto tramite guest blogging, podcast e webinar. Dare al pubblico una visione ravvicinata del leader dell'azienda può rafforzare la sua reputazione del marchio.

 

6. Gli influencer continuano a far crescere le loro comunità.

L' Influencer marketing continua a svilupparsi e crescere su piattaforme di social media. Gli influencer sono figure attive sui social media che hanno raccolto attorno a sé una comunità definita (non chiunque gli capitasse a tiro). I loro grandi seguaci (che possono variare da migliaia a oltre un milione di spettatori) conferiscono loro un'influenza sugli altri. Possono essere incredibilmente efficaci come addetti alle vendite perché spesso ci fidiamo intrinsecamente delle persone che seguiamo sui social media.

Proprio come il marchio personale, quando è ben fatto, il marketing influencer dà voce umana ai marchi. Il marketing dell'influencer è meno diretto delle forme tradizionali di pubblicità, ma può effettivamente creare autentici modi di connettersi con i clienti.

 

 

7. Video e selfie-brands.

La cultura dei selfie continua a prosperare sui social media, con la popolarità delle foto selfie che si evolvono nel video. Questi "selfie video" attirano molto l'interesse. Come la foto dei selfie, il selfie video consente agli utenti di catturare un momento nel tempo, ma il formato video consente agli utenti di comunicare in un modo più profondo e più personale di una foto. I selfie video tendono ad essere brevi e si sentono più immediati di un post scritto con una foto.

Le aziende devono prendere nota: gli spettatori trascorrono ore a guardare i video degli amici su Snapchat, Instagram e Facebook. I marchi sarebbero saggi di cercare modi per incorporare contenuti "selfie video" in prima persona come parte della loro strategia di marketing.

La pubblicità tradizionale può essere scoraggiante per il pubblico più giovane, che è più cauto nei confronti dei propri acquisti e desidera un'esperienza più autentica con i propri marchi. Il video selfie può aiutare un marchio a sembrare più affidabile e affidabile.

 

8. Segmenta il tuo pubblico sociale.

Mentre i brand parlano dei loro clienti e del pubblico, la realtà quello che la maggior parte delle aziende capannoniche vuole è avere più audience. La segmentazione è il processo di organizzazione del pubblico in gruppi (o segmenti) gestibili in modo da poter adattare la messaggistica e le comunicazioni alle preferenze di ciascun gruppo. I social media sono più efficaci quando segmenti il tuo pubblico in modo da poter essere pertinente ai gruppi di persone giusti al momento giusto.

Fare supposizioni sul tuo pubblico e raggrupparle tutte insieme potrebbe limitare la tua capacità di raggiungere più persone. Quindi più conosci il tuo pubblico e i vari gruppi che costituiscono il tuo pubblico, meglio puoi adattare i tuoi messaggi e le tue narrative per adattarli a ciascun segmento.

 

Leggi anche: Perchè il Buyer Persona sta soppiantando il contetto di target 

 

9. Personalizzazione Hyper-Target.

I clienti si aspettano che i brand modifichino offerte speciali e sconti per le loro esigenze e necessità. Per stare al passo con le aspettative, le aziende devono intensificare il gioco quando si tratta di pubblicità mirata. Quasi ogni piattaforma di social media offre un certo livello di filtraggio del pubblico quando si sceglie di pagare per la pubblicità. Queste opzioni vanno dal semplice targeting geografico ai filtri avanzati che perfezionano i segmenti di pubblico in segmenti altamente specifici.

Nel prossimo anno, i marchi si rivolgeranno sempre più alla personalizzazione iper-mirata per raggiungere il loro pubblico. Questo è spesso ottenuto tramite annunci di retargeting o remarketing. Ti sei mai chiesto perché stai vedendo un annuncio sul tuo sito di social media per qualcosa che stavi acquistando prima? Questa è personalizzazione iper-mirata al lavoro.

Usando i "cookie" mentre navighi online, i marketer raccolgono dati sugli utenti, come le abitudini online, l'area in cui vivono e qualsiasi altra informazione pertinente. Ma gli esperti di marketing dovranno trovare un equilibrio tra l'essere troppo invadenti e la possibilità di offrire pubblicità personalizzata che interessi realmente i clienti.

 

10. Conosci le tue piattaforme.

Le aziende dovrebbero considerare attentamente su quali piattaforme di social media focalizzarsi, poiché ogni piattaforma tende ad essere utilizzata da diversi gruppi. Ad esempio, oltre l'80% degli utenti di Pinterest sono donne e oltre il 50% degli utenti proviene dagli Stati Uniti. Quindi, se un marchio si rivolge alle donne americane, pubblicare su Pinterest potrebbe aiutare a isolare quel gruppo.

Nel frattempo, gli utenti di Snapchat tendono ad essere più giovani di quelli che usano Facebook. E i professionisti incentrati sulla carriera dedicano molto del loro tempo a LinkedIn. I brand che utilizzano più piattaforme devono utilizzare queste caratteristiche distintive per decidere dove pubblicare i contenuti e su quali piattaforme focalizzare la maggior parte dei loro sforzi di marketing.

 

 

Organizza le pubblicazioni sui social: parti da questo modello

Scritto da Enrico Capitanio

Visual Designer | Shopify Expert Mi piace lavorare sotto pressione e il teamwork necessario per completare i progetti. Adoro i capannoni. Sono fermamente convinto che l'universo non abbia alcun senso e che bisogna riderci su.

Enrico Capitanio