Sommario

Quando apri le porte del tuo negozio, speri sempre che sia un successo assoluto. Di solito questa sensazione dura circa un giorno, poi la realtà bussa alla porta. Ti rendi conto che ci vorrà più tempo del previsto e che avrai bisogno di alcune solide strategie pubblicitarie.

Anche con prodotti unici, un grande design e una strategia SEO perfetta, ci vuole del tempo per far funzionare il tuo negozio. E una delle cose che più difficili da sopportare è il fatto che devi prendere in mano il marketing.

Un lavoro duro, faticoso e a volte sconfortante, ma necessario per ottenere i risultati sperati.

SEO, social media e email marketing devono funzionare tutti per ottenere traffico nel tuo negozio. E tutti hanno bisogno di tempo per crescere.

La pubblicità è una delle tue uniche opzioni per fare progressi più velocemente quando sei appena agli inizi.

 

Perché le strategie di marketing ti aiutano a fare progressi più velocemente

Il motivo per cui la maggior parte degli imprenditori vuole vedere i progressi in fretta è semplicemente perché sono impazienti. Il lancio di un negozio online richiede molta preparazione, progettazione e sudore. E quando finalmente è vivo, vuoi vedere i risultati ADESSO!

Comprensibile: quando hai qualcosa che sta lavorando, vuoi che questa cosa funzioni!

La pubblicità accelera le cose in tre modi. Ti permette di:

1. Stirare le rughe, e uccidere i bug

Non importa quanto hai speso per testare il tuo sito web. Alcuni errori compaiono solo quando hai veri visitatori sul tuo sito. Collegamenti interrotti, istruzioni non chiare, informazioni sul prodotto mancanti, ecc.

Con strumenti come Optimizely puoi creare mappe di calore e registrazioni che ti mostreranno cosa sta succedendo, permettendoti di cogliere errori evidenti o cose che puoi ulteriormente migliorare.

Dai un'occhiata a questa heatmap di un e-commerce. Tutti i visitatori sembrano fare clic sulle immagini del prodotto. Come useresti queste informazioni per migliorare la tua pagina di prodotto?

Se hai un'unica immagine di prodotto di bassa qualità, dovresti aggiungerne altre. Oppure, invece di scrivere tutti i possibili casi in cui il prodotto può essere usato, forse potresti aggiungere più immagini dove vengono mostrati alcuni di questi casi.

Altri due ottimi strumenti sono i sondaggi veloci o le chat live. Ti consentono di ottenere informazioni aggiuntive sui tuoi visitatori, scoprire cosa manca nella pagina o scoprire perché gli utenti non stanno acquistando.

2. Imparare dai numeri

Prima di iniziare a pensare al tuo e-commerce, dovresti fare un calcolo approssimativo del numero di vendite necessarie. Di quanti visitatori avresti bisogno per fare una vendita? Quanto pagheresti per ogni clic? Cosa dovrebbe valere un ordine medio?

Questa operazione si chiama calcolo del R.O.I. (Return of Investment)

La pubblicità online ti consente di lavorare su questi numeri con grande chiarezza (cosa che non potresti fare con la pubblicità su un quotidiano cartaceo).

Con i visitatori (e le vendite) che stanno arrivando, sarai in grado di adattare il tuo piano a dei numeri reali, non quelli che hai pianificato in precedenza. Questo ti potrà far riflettere e ritarare la tua strategia, ma ti aiuterà anche a prendere decisioni più intelligenti.

3. Vendere

Non c'è niente come vendere per motivarti. Anche se i numeri non hanno ancora senso, generare vendite ti farà sentire bene e ti dimostrerà che c'è un potenziale.

Quindi, se ritieni che la pubblicità abbia un senso per il tuo negozio, diamo un'occhiata a dove iniziare a vedere i risultati massimi, riducendo al minimo le perdite.

 

La tua digital ADS strategy

C'è una buona possibilità che ti senti già sopraffatto da tutto ciò che "dovresti" fare per il tuo negozio. E più penserai alle strategie pubblicitarie, più lunga ti sembrerà la lista.

Ma troppi nuovi e-merchant saltano alla cieca sulla prima opportunità pubblicitaria che gli si presenta di fronte. E senza un solido piano, spesso finiscono per non andare da nessuna parte.

Questo perché stai letteralmente in competizione con aziende che hanno giocato a questo gioco per anni.

 

giphy

 

Hanno speso migliaia di dollari e potrebbero avere team dedicati a mettere a punto strategie di advertising online che sicuramente saranno migliori delle tue.

Per competere efficacemente in questo spazio e abbreviare il processo, ti suggerirei di iniziare con delle strategie che hanno una minore probabilità di fallire.

E nel tempo, man mano che diventi più intelligente con i numeri e acquisisci maggiore familiarità con il funzionamento delle diverse piattaforme, potrai passare ai livelli successivi.

 

Livello 0: Monitoraggio

Se si paga per il traffico, è fondamentale sapere che cosa questo genera.

Google Analytics è lo strumento perfetto per questo. Sei in grado di vedere esattamente da dove provengono i visitatori e cosa fanno sul tuo sito.

Ma un po 'di traffico, come da Facebook Ads, non viene tracciato automaticamente. Vedrai spesso queste visite come referral o traffico diretto, il che rende difficile sapere esattamente da dove provengono.

Per evitare questo, devi aggiungere ulteriori parametri alla fine dei collegamenti. In questo modo sarai in grado di identificare esattamente da dove proviene ciascun visitatore.

Puoi utilizzare questa tecnica per monitorare i visitatori che arrivano tramite link da altri luoghi come email o social media.

 

Livello 1: Retargeting

La parte più difficile del marketing è fare in modo che alle persone gliene importi qualcosa di te, del tuo negozio e del tuo prodotto.

Quindi se inizi con persone che hanno già visitato il tuo sito, i risultati saranno migliori. I tassi di conversione saranno più alti, il che significa un costo per conversione più basso rispetto a quelli che non ti hanno mai sentito nominare.

Questo è chiamato retargeting e puoi farlo sia tramite Facebook Ads o Google Adwords. Funzionano in modo abbastanza simile. La differenza principale è dove verranno visualizzati i tuoi annunci. Su Facebook le persone vedranno i tuoi annunci apparire sul loro feed di notizie mentre Google utilizza la sua rete di siti Web di terze parti per mostrare gli annunci.

Quale funziona meglio per il tuo negozio dipende dai tuoi clienti, dai tuoi annunci e dal tipo di prodotto che stai vendendo. Ma vale la pena dare una possibilità e confrontare la performance.

Iniziamo con Facebook e poi, in seguito, Google.

Retargeting con le pubblicità di Facebook

 

pasted-image-0-23

Esempio di un annuncio di retargeting di Facebook

 

Diamo un'occhiata a come è possibile impostare qualcosa come questo annuncio per il tuo negozio.

1. Installa il pixel di Facebook

Innanzitutto, devi installare il pixel di Facebook. Il pixel è un codice che hai inserito su tutte le pagine del tuo negozio. Permette a Facebook di identificare quale visitatore ha visitato quali pagine del tuo sito.

L'implementazione effettiva dipenderà dalla tua piattaforma di e-commerce . Alcuni, come Shopify (leggi cos'è Shopify qui), hanno l'integrazione automatica, mentre con altri dovrai apportare modifiche ai tuoi modelli e modificare un po' di codice.

2. Crea il pubblico

Grazie al pixel, Facebook registrerà tutti i visitatori del tuo sito. Dopodiché, devi impostare il pubblico. Questi sono gruppi di persone che hanno fatto cose simili sul tuo sito, ad esempio:

  • Hanno visto lo stesso prodotto più volte
  • Hanno visitato la stessa categoria di prodotti
  • Hanno letto un articolo o più sul tuo blog
  • Hanno cliccato su CTA o visitato una landing page di prodotto

Quando inizi, probabilmente terrai un pubblico piuttosto ampio. Ma con l'aumento dei visitatori, ti consiglio di creare segmenti di pubblico più specifici in modo da darti risultati migliori.

3. Crea gli annunci

Ora che hai deciso chi vuoi indirizzare, devi trovare una buona pubblicità.

Ricorda che le persone su Facebook non sono lì ad aspettare di fare clic sugli annunci. Sono impegnati a fare cose diverse, tipo darsi il buongiorno e postare meme e foto di gattyny. Quindi devi attirare la loro attenzione.

Prima di andare alla ricerca di immagini accattivanti, decidi la tua offerta. Le persone a cui mostrerai questo annuncio sono già al corrente del tuo negozio. Quindi quale messaggio li farà tornare? Magari uno sconto, una promozione speciale, i tuoi bestseller o un messaggio generale sul tuo negozio.

Se non hai paura di una sfida tecnica, puoi caricare le informazioni sui tuoi prodotti su Facebook utilizzando i cataloghi dei prodotti. In questo modo puoi mostrare i prodotti reali che le persone visitavano sul tuo sito web.

Ciò che funziona meglio dipenderà dai tuoi clienti e dal tuo negozio. Avrai bisogno di provare molte varianti diverse prima di arrivare a quello che ti dà i migliori risultati.

 

Remarketing di Google

Diamo un'occhiata a come impostare il remarketing di Google Ads per il tuo sito e-commerce

1. Installa il codice di remarketing

Per mostrare i tuoi annunci, Google deve sapere chi ha visitato il tuo sito. Come con il pixel di Facebook, non è difficile da fare. Hai due opzioni: se utilizzi Google Analytics, devi solo apportare piccole modifiche al codice o utilizzare il codice di remarketing speciale di AdWords.

Personalmente preferisco il primo perché ti consente di scegliere i diversi tipi di pubblico a cui mostrerai i tuoi annunci.

2. Crea segmenti di pubblico per il remarketing

Ancora una volta è necessario definire il pubblico, ovvero i gruppi di visitatori. A differenza di Facebook, hai anche l'opzione qui per approfondire ciò che questi visitatori hanno fatto sul tuo sito web.

Ad esempio, puoi creare un gruppo di visitatori che hanno trascorso una certa quantità di tempo sul tuo sito o includere solo persone che hanno visitato almeno 6 pagine durante la loro visita.

La creazione di questi segmenti di pubblico ti consente poi di targetizzare la più alta qualità possibile di visitatori, ovvero quella che è più probabile tornino ad acquistare sul sito.

3. Crea annunci

Ora devi creare i tuoi annunci di remarketing. Google Remarketing utilizza la rete Display, che è un'enorme rete di siti affiliati.

A differenza di Facebook, AdWords consente di inviare annunci in diverse dimensioni. Per ottenere la massima copertura, è necessario fornire un paio di formati diversi.

A meno che tu non abbia un designer per lo staff e del il tempo libero a disposizione, di solito è più efficace utilizzare il generatore di annunci di Google. Ciò consente di creare annunci più veloci ed economici in tutti i diversi formati.

Più importante per le tue strategie pubblicitarie è quello che stai per mettere su questi banner: un'offerta, prodotti specifici o un semplice promemoria per visitare il tuo negozio.

Se hai impostato i tuoi feed di prodotto, puoi creare campagne di remarketing dinamiche . Questi mostreranno i prodotti reali che i visitatori stavano guardando. Ciò aumenta la pertinenza e spesso porta a risultati migliori.

 

Livello 2: Google Shopping

Gli annunci di Google Shopping vengono visualizzati nei risultati di ricerca. Ma invece di annunci di testo regolari, si tratta di annunci di prodotto che contengono l'immagine del prodotto, il prezzo e una breve descrizione.

Se un visitatore cerca un prodotto specifico, ci sono maggiori probabilità che finiscano per comprare. (Logica 101)

Potrebbero ovviamente non comprare quel prodotto esatto o potrebbero non comprarlo da te. Ma le tue possibilità di fare una vendita sono molto più alte rispetto a quando mostri un annuncio su Facebook a qualcuno che non ha mai sentito parlare di te o del tuo negozio.

Il motivo per cui ti sto suggerendo le campagne di Google Shopping è che sono diventate sempre più importanti negli ultimi due anni. Google dà loro più spazio nei suoi risultati di ricerca. E per te come inserzionista sono abbastanza facili da gestire una volta che attivati e funzionanti.

Se fornisci a Google un file con tutte le informazioni sui tuoi prodotti, Google Adwords eseguirà la maggior parte del lavoro pesante per creare gli annunci e associarli alle query di ricerca corrette.

Tuttavia, impostare campagne Google Shopping può essere piuttosto impegnativo. Diamo un'occhiata alle due parti principali di cui hai bisogno: creare un feed di prodotto senza errori e utilizzarlo per impostare una campagna effettiva.

Crea un feed di prodotto che non faccia schifo

Per creare gli annunci Shopping, Google Adwords ha bisogno di un feed prodotto. Questo è un file con tutte le informazioni sui tuoi prodotti: cose come marchi, descrizioni, immagini, dimensioni e prezzi.

Quanto è difficile creare quel file dipende dalla tua piattaforma di e -commerce e dalla qualità dei dati nel tuo sistema. Ad esempio, creare un ottimo feed di dati da un Woocommerce è come tentare di colpire uno stormo di passeri in volo utilizzando un elastico e una pallina di carta bagnata.

È probabile che troverai app, plug-in o strumenti che possono aiutarti a semplificare l'esportazione delle informazioni sui tuoi prodotti in un formato comprensibile a Google. Ma anche no.

Se invece hai fatto la scelta saggia di affidarti ad una piattaforma come Shopify, vai sul sicuro. Shopify è infatti nativamente integrato per trasmettere il tuo feed di prodotti a Google, direttamente dallo store.

Dovrai quindi caricare quel file su Google Merchant Center, uno strumento gratuito di Google in cui elabora tutti gli articoli nel tuo feed di prodotto e verifica se corrisponde ai suoi requisiti.

Interfaccia di Google Merchant Center

La maggior parte delle persone riuscirà a ottenere un feed prodotto dal proprio negozio e a caricarlo su Google Merchant Center.

Tieni presente che se utilizzi un'app o Shopify, il tuo feed prodotto potrebbe essere trasferito automaticamente in Google Merchant Center.

Dopo l'elaborazione, è il momento in cui iniziano i problemi. Google Merchant Center ti dirà cosa c'è di sbagliato in tutte le informazioni che hai appena fornito. Alcuni campi potrebbero mancare, le informazioni potrebbero essere errate o semplicemente nel formato errato. Questo non succede se usi Shopify, ma se hai avuto la sfortuna di credere a qualcuno che ti ha proposto "Un Semplicissimo Woocommerce" preparati a lanciare saracche come se piovesse.

Oltre agli strumenti che ti aiuteranno nella creazione del tuo feed di prodotto, ci sono anche piattaforme che ti aiuteranno a gestire tutti i tuoi diversi feed di prodotto. Ciò può accadere se stai utilizzando altri servizi oltre a Google Shopping come Bing, Nextag, Pricegrabber o Amazon.

Crea campagne Google Shopping

Se il tuo feed prodotto è privo di errori critici, i tuoi articoli saranno subito approvati da Google Merchant Center. In questo caso sarai in grado di utilizzare questo feed in Google Adwords per impostare le tue campagne.

Questo è piuttosto semplice. Quando si avvia una nuova campagna, si seleziona il feed che si desidera utilizzare per le proprie campagne, si seleziona un budget giornaliero e un importo che si desidera pagare per ciascun clic.

La tua campagna è pronta!

Di default, tutti i tuoi prodotti si troveranno in un unico grande gruppo di prodotti, tutti con la stessa offerta. Questo potrebbe essere un buon inizio, ma alcuni prodotti ti saranno più preziosi di altri. Il loro prezzo sarà più alto, i loro margini potrebbero essere più alti, o potrebbe essere un prodotto che solo tu vendi.

Quando i primi clic e altri dati iniziano a circolare, puoi ottimizzare ulteriormente le tue campagne Shopping .

Questo significa tre cose:

  • Spulcia il "Rapporto sui termini di ricerca" per cercare ricerche non pertinenti e aggiungerle alle parole chiave a corrispondenza inversa.
  • Migliora la struttura del tuo account: assicurati che i prodotti che vendono bene ottengano il maggior numero di clic.
  • Migliora la qualità delle informazioni nel tuo feed di prodotto. Fornire informazioni migliori ridurrà il prezzo pagato per ogni clic.

Suggerimento per professionisti: se ti piacciono i risultati che ricevi da Google Shopping, puoi facilmente importare le tue campagne in Bing. Le loro annunci di prodotto funzionano quasi identici.

Bene, abbiamo finito. Nel prossimo post tratterò i livelli AVANZATI per pubblicizzare al meglio il tuo e-commerce. Nel caso aveste qualsiasi domanda potete lasciare un commento qui sotto!

 

Scopri Shopify   scarica il nostro ebook gratuito per conoscere l'ecommerce con cui aprire il  tuo store online

 

Scritto da Enrico Capitanio

Visual Designer | Shopify Expert Mi piace lavorare sotto pressione e il teamwork necessario per completare i progetti. Adoro i capannoni. Sono fermamente convinto che l'universo non abbia alcun senso e che bisogna riderci su.

Enrico Capitanio