Non si sa esattamente quando la gente abbia cominciato a contrattare, costruito il loro primo capannone e scambiarsi le pressopieghe e le macchine a taglio laser gli uni con gli altri.

Sappiamo che le monete metalliche sono state usate per comprare e vendere cose per almeno 4000 anni. Dai cavalli e dai carretti a mano a navi, camion e aerei, la necessità di scambiare merci ha stimolato le innovazioni nei trasporti per altrettanto tempo.

Oggi, però, tutto cambia: molti di noi ora comprano e vendono con una nuova forma di commercio che non coinvolge né denaro né mezzi di trasporto, almeno non nel senso tradizionale. Ti siedi in poltrona, fai clic con il mouse alcune volte, inserisci il numero della tua carta di credito e attendi che le merci si presentino alla porta.

Il mercato degli e-commerce, come è noto, è cresciuto enormemente nell'ultimo decennio, rendendo la vita più conveniente ai i consumatori e aprendo ogni tipo di nuove opportunità per le imprese.

Questa breve guida non è intesa per i professionisti o per chi possiede un e-commerce. Quindi se pensate di aprire il vostro negozio online oppure cercate una soluzione avanzata per sostituire il vostro e-commerce attuale, scaricate le nostre guide gratuite cliccando sui link.

WEBQ ECOMMERCE1

Fare shopping al computer è il concetto base di e-commerce. Le parti chiave sono quelle di una transazione al dettaglio che accade in negozio (come ispezionare e confrontare prodotti e convalidare una carta di pagamento) devono ora accadere a casa tua e una consegna rapida, economica ed efficiente svolge anche un ruolo cruciale nel processo. Come mostra questa illustrazione, puoi persino comprare un nuovo computer con un computer (anche se non so perché tu voglia un chromebook)!

I componenti di base di un sistema di e-commerce

Sia che tu stia acquistando in un negozio oppure online, tutto ciò che fai è orientato ad una transazione, ovvero lo scambio di denaro per ottenere beni o servizi. In un negozio del mondo reale, porti i tuoi nuovi jeans alla cassa, consegni un po' di mazuma e lasci il negozio con il tuo acquisto in una borsa: questa è una transazione.

Funziona in modo simile se acquisti online, ma c'è un'importante differenza: non riesci mai a toccare (o persino vedere) i prodotti finché non arrivano a casa tua qualche tempo dopo.

Se ciò rende l'acquisto online leggermente problematico per l'acquirente, introduce anche due ulteriori problemi per il rivenditore (o l' e-tailer , a volte noto come i rivenditori online). Oltre ad avere alcuni mezzi per elaborare le transazioni online hanno anche bisogno di un modo per verificare che i beni ordinati siano effettivamente disponibili, e un mezzo per spedire e consegnare la merce al tuo indirizzo.

In breve, quindi, l'e-commerce riguarda la combinazione di tre diversi sistemi:

1 - Un server Web

Che sia in grado di gestire un negozio online ed elaborare transazioni (creando collegamenti appropriati con i computer della banca per verificare i dettagli della carta di credito).

2- Un database

Così da poter mantenere un controllo degli articoli che il negozio ha in magazzino (in costante aggiornamento in quanto le persone effettuano ordini e idealmente effettuano nuovi ordini con i fornitori quando le scorte sono scarse).

3- Un sistema di spedizione

Che sia collegato a un magazzino in cui le merci possono essere immediatamente localizzate e inviate all'acquirente come rapidamente possibile.


Solo il primo di questi tre sistemi è strettamente necessario per l'e-commerce. Molte persone gestiscono con successo negozi online su piccola scala senza complessi database o sistemi di spedizione: hanno semplicemente un sito Web per pubblicizzare la propria attività e prendere ordini e quindi gestiscono il controllo delle scorte e la spedizione in modi più tradizionali. I piccoli commercianti che vendono oggetti sui siti d'aste (tipo Subito.it) spesso lavorano in questo modo, per esempio. I loro "database" sono nella loro testa; il loro "sistema di spedizione" è semplicemente una passeggiata per l'ufficio postale locale.

Sempre che l'ufficio postale non sia italiano.

giphy


Ecco un esempio di come potrebbe funzionare un sistema di e-commerce sofisticato e completamente computerizzato. Non tutti i sistemi di e-commerce funzionano esattamente in questo modo:

WEBQ INFORGRA

 

  1. Seduto al suo computer, un cliente cerca di ordinare un libro online. Il suo browser web comunica avanti e indietro su Internet con un server Web che gestisce il sito Web del negozio.
  2. Il server Web invia il suo ordine al gestore degli ordini. Questo è un computer centrale che vede gli ordini in ogni fase del processo dall'invio alla spedizione.
  3. Il gestore degli ordini interroga un database per scoprire se ciò che il cliente desidera è effettivamente disponibile.
  4. Se l'articolo non è in magazzino, il sistema di database azionario può ordinare nuove forniture da grossisti o produttori. Ciò potrebbe comportare la comunicazione con i sistemi di ordine presso il quartier generale del produttore per scoprire i tempi di fornitura stimati mentre il cliente è ancora seduto al suo computer (in altre parole, in "tempo reale").
  5. Il database di magazzino conferma se l'articolo è in magazzino o suggerisce una data di consegna stimata quando i materiali di consumo saranno ricevuti dal produttore.
  6. Supponendo che l'articolo sia disponibile, il gestore degli ordini continua a elaborarlo. Successivamente, comunica con un sistema di merchant (gestito da una società di elaborazione di carte di credito o collegato a una banca) per effettuare il pagamento utilizzando il numero di carta di credito o di debito del cliente.
  7. Il sistema mercantile potrebbe effettuare controlli supplementari con il proprio computer della banca.
  8. Il computer della banca conferma se il cliente ha fondi sufficienti.
  9. Il sistema mercantile autorizza la transazione a procedere, anche se i fondi non saranno trasferiti completamente fino a diversi giorni dopo.
  10. Il gestore ordini conferma che la transazione è stata elaborata correttamente e notifica al server Web.
  11. Il server Web mostra al cliente una pagina Web che conferma che il suo ordine è stato elaborato e che la transazione è completa.
  12. Il gestore degli ordini invia una richiesta al magazzino per spedire la merce al cliente.
  13. Un camion di una ditta di spedizioni raccoglie le merci dal magazzino e le consegna.
  14. Una volta che le merci sono state spedite, il computer del magazzino invia via e-mail al cliente per confermare che i suoi prodotti sono in viaggio.
  15. La merce viene consegnata al cliente

Tutte queste cose sono invisibili - "virtuali" - al cliente, tranne il computer al quale si siede e il camion di spedizione che arriva alla sua porta.

Come progettare un sito di e-commerce?

Il design dei negozi virtuali è spesso il fattore più importante per il successo o il fallimento delle attività online.

Ciò non significa semplicemente che i siti di e-commerce devono apparire attraenti (anche se lo sono): devono essere utilizzabili, veloci e facili da navigare senza istruzioni irritanti o confusionarie, affidabili -i clienti si aspettano che i siti siano online 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, e di caricare le pagine senza ritardi-, e sicuri (perché nessuno è pronto a digitare i dettagli della propria carta di credito in un sito Web che non è sicuro).

La creazione di un negozio online è piuttosto impegnativa. Non solo devi costruire da zero un sito web dedicato, devi anche sviluppare il tuo sistema merchant che deve elaborare in modo sicuro i dati della carta di credito e spedire le transazioni da/e verso i computer della banca.

In questi giorni, chiunque può creare un negozio online in pochi minuti. Servizi SaaS come Shopify consentono di costruire un negozio molto rapidamente e, poiché dispongono di funzionalità di elaborazione delle carte di credito integrate, la gestione delle transazioni non potrebbe essere più semplice.

Molte persone creano vetrine virtuali sul sito di aste eBay e poi usano PayPal (ora anche parte di eBay) per elaborare le loro transazioni. Alcuni siti Web (in particolare Amazon) consentono di incorporare le mini versioni del proprio negozio all'interno del proprio sito Web, in modo da effettuare una piccola commissione di vendita dei propri prodotti all'interno del proprio sito.

Si diceva che il nome di dominio giusto era un requisito essenziale per un business online di successo, ma alcuni dei siti Web più memorabili (compresi pets.com , etoys.com e garden.com) sono stati le prime vittime della "dot com boom" .

Come hanno dimostrato aziende Web di successo come eBay e Amazon, non deve necessariamente esserci un'evidente connessione tra il nome di un sito Web e le cose che effettivamente fa o vende: tutto ciò che conta è che, nel tempo, le persone vorranno conoscere, amare e fidarsi del marchio e visitare il sito istintivamente quando vogliono comprare qualcosa.

La gestione del modo in cui i tuoi prodotti vengono forniti ai tuoi clienti è di fondamentale importanza: dai un'occhiata alle recensioni su siti come eBay .

Ciò non significa che tu abbia bisogno del tuo magazzino e di una flotta di camion per le consegne. Aziende come Amazon hanno costruito sistemi di magazzino e di spedizione complessi e altamente efficienti per i propri scopi, ed ora consentono anche ad altre persone di utilizzarli.

Chiedere a qualcun altro di gestire i tuoi prodotti, prelevarli e spedirli ai tuoi clienti, in tutto il mondo, è chiamato fulfilment - e significa che anche piccole aziende (o una persona che gestisce un'azienda dal suo capanònselo artigiano in affitto) può gestire le consegne in modo efficiente e professionale come se avesse una struttura molto grande.

Usare l'e-commerce per vendere informazioni

Ci sono un sacco di soldi online, ma non tutto comporta la vendita di beni nel modo tradizionale.

Molte aziende online cercano di fare soldi offrendo una combinazione di servizi gratuiti e premium.

Google, è probabilmente l'esempio più noto di un sito come questo. Creato come una directory completa di altri siti web, è mutato in un motore di ricerca e quindi in un portale, offrendo un gateway per tutti i tipi di altri servizi premium come Gsuite. Ad esempio, puoi sempre farti la tua casella gratuita, ma puoi anche pagare un extra per un sistema di posta elettronica più sofisticato. È possibile memorizzare le foto gratuitamente su Drive, ma è possibile pagare una somma extra per uno spazio di archiviazione più che doppio e una garanzia a vita su tutto quello che carichi.

Giornali, riviste e editori di libri cercano anche di fare soldi attraverso una combinazione di servizi gratuiti e premium. Mentre la maggior parte di loro offre i loro contenuti di base gratuitamente, utilizzando la pubblicità per fare soldi.

Alcuni offrono anche una parte dei loro articoli per una commissione fissa (una tantum o abbonamento). L'acquisto di un articolo comporta una transazione simile a quella che farai su Amazon o eBay, quindi questo tipo di pubblicazione online è chiaramente una varietà di e-commerce.

Vantaggi e svantaggi dell'e-commerce

Sebbene le prime reazioni ai siti di shopping online fossero spesso contrastanti, del tipo: "Ci vuole troppo tempo per trovare quello che vuoi", "Non sono sicuro che siano sicure", "Le cose che voglio non sono mai disponibili", "I negozi non spariranno mai, perchè la gente deve provare le scarpe prima di comprarle" "Che cos'è un computer?"), le cose sono migliorate notevolmente nell'ultimo decennio e le aziende online hanno trovato il modo di aggirare la maggior parte degli inconvenienti.

Ad esempio, alcuni negozi di abbigliamento online offrono ritorni gratuiti se non ti piacciono gli abiti che hai comprato o se non si adattano. Molte persone ora fanno solamente shopping online e non si sognerebbero di mettere piede in un negozio del mondo reale in cui: A) i prezzi sono spesso più alti B) le attese più lunghe e C) le porte si aprono solo durante il normale orario di lavoro.

Anche per le aziende l'e-commerce ha aperto nuove opportunità. Non molti possono competere con aziende enormi come Amazon o eBay, ma chiunque può aprire un negozio online e iniziare a fare trading in pochi minuti. I piccoli negozi locali, a lungo minacciati dalla crescita di giganti rivenditori come Wal-Mart e Tesco, hanno trovato una nuova prospettiva di vita commerciando online e vendendo i loro prodotti per corrispondenza.

L'e-commerce ha anche minacciato molti modi tradizionali di fare affari. Quando le persone si affollano nei negozi online per la corsa al Natale, spendono di meno nei negozi del mondo reale. Le aziende già affermate come Wal-Mart hanno cercato di compensare la minaccia cogliendo l'opportunità: "mattoni e clic"(avere negozi del mondo reale e un sito web perfettamente integrato) è ora generalmente visto come la strada da percorrere.

Gli acquirenti sono diventati ugualmente esperti e sono esperti nell'ispezionare i prodotti nei negozi del mondo reale prima di acquistare online o utilizzare siti Web per localizzare filiali locali di negozi in cui possono ispezionare e acquistare esattamente i prodotti che desiderano. È importante ricordare che l'e-commerce rappresenta ancora solo una frazione di tutto il commercio che svolgiamo (per il secondo trimestre del 2018, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha segnalato che l'e-commerce raggiunge circa il 9,6 per cento del totale delle vendite al dettaglio, come mostrato nella tabella sottostante), ma quella frazione è cresciuta molto costantemente e continuerà a farlo.

WEBQ ECOMMERCE

La crescita costante dell'e-commerce: questo grafico mostra come lo shopping online attualmente rappresenti quasi il 10% di tutte le vendite al dettaglio, il doppio rispetto alla situazione di un decennio fa. Più formalmente, mostra "Vendite trimestrali trimestrate di e-commerce al dettaglio negli Stati Uniti come percentuale del totale delle vendite al dettaglio trimestrali: dal 1 ° trimestre 2009 al 2 ° trimestre 2018". Per gentile concessione di US Census Bureau .

Come sempre, i clienti scelgono di andare dove è più conveniente, e continueranno a farlo. Mentre alcuni commercianti (in particolare commercianti di automobili, ottici e agenti immobiliari) hanno cercato di resistere alla minaccia dello shopping online, le tattiche protezionistiche sono destinate a fallire nel lungo periodo.

È fin troppo facile ora che i clienti prendano i loro soldi e il loro potere di spesa da qualche altra parte, anche ai rivenditori di un altro paese. Il cliente e il loro mouse hanno sempre ragione. E sempre sarà.


Il presente mobile dell'e-commerce

Se gestisci un'attività di vendita al dettaglio di lunga data, è probabile che tu abbia un sito Web che raccoglie ordini dai tuoi clienti e li elabora attraverso l'e-commerce. Ma proprio come ti sei abituato alle regole del gioco online, arriva qualcosa di nuovo che sposta i pali: il commercio mobile , noto anche come m-commerce.

Non puoi fare a meno di notare che sempre più persone stanno passando online tramite cellulari, iPad e altri dispositivi portatili. Una volta eravamo incurvati sui PC desktop facendo clic sui mouse; ora siamo sempre più propensi a colpire i telefoni touchscreen mentre ci aggrappiamo al divano e guardiamo contemporaneamente la TV.

Se hai qualche dubbio sul fatto che l'm-commerce sia il futuro, devi solo guardare i giganti del mondo online e vedere quanto seriamente lo stanno prendendo. Amazon, Google e Facebook vedono il mobile computing come un campo di battaglia decisivo nei prossimi anni.

Google ha sottolineato l'importanza di gestire un sito ottimizzato per dispositivi mobili per anni; In un sondaggio del 2012 , Google ha riferito che il 74% degli utenti aveva maggiori probabilità di tornare ai siti ottimizzati per i dispositivi mobili e il 67% era più propenso ad acquistare da siti ottimizzati per i dispositivi mobili.

Tuttavia, un enorme 96% ha riferito di aver incontrato siti Web incompatibili mentre era online con il proprio cellulare. Secondo uno studio del 2017 sponsorizzato da UPS il commercio mobile rappresenterà circa la metà di tutti gli e-commerce (entrate del commercio digitale) entro il 2020, per un valore totale di circa $ 250 miliardi.

visite online

Statistiche di un nostro cliente nel mese di Novembre 2018. La percentuale di utenti mobile è più del doppio di quella Desktop.

Una tendenza molto interessante è che il traffico dei siti mobili equivale regolarmente o supera il traffico desktop nei fine settimana (quando le persone non sono seduti alla scrivania a perdere tempo (fare ricerca) nei loro computer di lavoro).

Se si dispone solo di un sito desktop, si sta potenzialmente perdendo un sacco di soldi. Naturalmente, i clienti professionisti o aziende che acquistano da siti aziendali (il cosiddetto e-commerce B2B) potrebbero essere felici sui siti Web solo desktop.

Tuttavia, i clienti comuni, -i ragazzi con smartphone e gli adulti che navigano a casa con gli smartphone sul divano - si aspettano di trovarsi a utilizzare i siti ottimizzati per i dispositivi mobili. L'importanza sempre crescente del mobile spiega perché Google ha ora spostato l'intero indice del Web in una visualizzazione mobile-first, in cui la versione mobile di ciascun sito Web viene indicizzata principalmente anziché la versione desktop.

Cosa puoi fare per diventare mobile?

Il primo passo è verificare come funziona il tuo sito esistente su un dispositivo mobile (preferibilmente uno collegato a una rete di cellulari, e non tramite Wi-Fi, in modo da ottenere un senso di velocità e di usabilità).

Esistono emulatori e tester che puoi utilizzare per simulare i dispositivi mobili su un PC (tra cui uno eccezionale integrato nel browser Chrome di Google e l'equivalente Chromium open source), ma è molto meglio procurarti un cellulare moderno con un browser o un tablet computer e vedi come funziona veramente il tuo sito.

Se non l'hai mai visto lavorare su uno schermo piccolo, potresti rimanere sorpreso da come appare. Se il tuo sito è stato progettato per funzionare con un tipico laptop widescreen, probabilmente troverai qualcosa di terribile: le colonne probabilmente si sovrappongono e si sovrappongono, il testo potrebbe essere troppo piccolo per essere letto, i collegamenti potrebbero essere troppo piccoli per fare clic e così via.

Don' t panic! Una volta valutata la portata del problema, puoi iniziare a fare qualcosa al riguardo.

Ci sono essenzialmente quattro opzioni se vuoi "andare su mobile":

  1. Design Responsive: ridisegnare il sito esistente in modo che lo stesso codice HTML funzioni ugualmente bene sia su desktop sia su mobile, utilizzando un foglio di stile comune che contiene regole condizionali applicabili a dispositivi di diversa larghezza dello schermo. Puoi capire quando un sito è reattivo sfogliandolo su un desktop; se si riduce la larghezza del browser, il sito verrà riformattato improvvisamente dal desktop alla versione mobile. I siti reattivi sono facili da mantenere e adatti ai motori di ricerca, ma non offrono sempre la migliore esperienza agli utenti, perché presentano essenzialmente le stesse pagine per tutti gli utenti (solo formattati in modo diverso).
  2. Dynamic serving : crea le tue pagine in modo leggermente diverso per i dispositivi desktop e mobili senza modificare i loro URL (con un foglio di stile comune o "includendo" un foglio di stile appropriato per ciascun dispositivo). In genere, dovresti utilizzare PHP o ASP per testare un dispositivo mobile e quindi creare una pagina ottimizzata per desktop o dispositivi mobili, magari utilizzando un foglio di stile per desktop o mobile che riformatta di conseguenza il codice HTML comune. (Oppure potresti usare anche un foglio di stile responsive). La pubblicazione dinamica è orientata ai motori di ricerca (a condizione di segnalare che il contenuto delle tue pagine varia in base allo user-agent) e offre una buona esperienza utente (perché puoi ottimizzare le pagine per desktop e mobile molto più che con design reattivo), ma può essere complesso da implementare.
  3. Sito mobile separato: Rileva se gli utenti si trovano su un PC desktop o su un dispositivo palmare e quindi reindirizzano a una versione mobile completamente separata del tuo sito. Ciò significa che puoi ottimizzare il tuo sito per gli utenti mobili senza compromettere l'usabilità per le persone sul desktop, ma lo svantaggio è dover mantenere una seconda versione duplicata del tuo sito e il rischio che diverse versioni delle tue pagine sfuggano di passo. Ricorda che i motori di ricerca come Google non amano i contenuti duplicati, quindi utilizza tecniche come gli URL canonici per aiutarli a capire dove trovare la versione definitiva di ogni pagina. Se lo desideri, puoi impostare un cookie per ricordare quale versione del sito deve servire quando gli utenti passano da una pagina all'altra. È una buona idea dare agli utenti mobili la possibilità di visualizzare il tuo sito desktop, se preferiscono. I siti con URL separati tendono ad essere ostili ai motori di ricerca,
  4. App mobile separata : sviluppa un'app gratuita per dispositivi mobili che aggiri del tutto il tuo sito web. C'è una spesa anticipata nell'avere sviluppato app, ma generalmente offrono un'esperienza utente molto migliore rispetto ai siti web mobili. Non solo, ma impediscono agli utenti di distrarsi, di fare clic su altri collegamenti e di accedere ai siti della concorrenza. In altre parole, le app mobili sono un ottimo modo per "catturare" gli utenti mobili e tenerli.

Oltre a questi, ci sono metodi in continua evoluzione come AMP (Accelerated Mobile Pages) , che ti permettono di sviluppare un sito mobile molto più veloce utilizzando un sottoinsieme di HTML ridotto (ma potenzialmente sacrificando alcune funzionalità del tuo sito web nel processo).

Una breve storia dell' e-commerce

  • 1887: lo statistico statunitense Herman Hollerith (1860-1929) costituisce il precursore di IBM (International Business Machines), una società che diventerà pioniera delle forme elettroniche di fare affari nei decenni successivi.
  • Anni '50 -'60: IBM pioniera dell'elaborazione delle transazioni online (OLTP): un modo per gestire le transazioni monetarie istantaneamente (in "tempo reale") utilizzando sofisticati sistemi computerizzati. Con American Airlines , IBM sviluppa un sistema OLTP chiamato SABER (Semi-Automatic Business Research Environment) che rivoluziona le prenotazioni aeree. Nel 1969, il software di elaborazione delle transazioni di IBM si evolve in CICS (Customer Information Control System) , uno dei suoi prodotti meno conosciuti ma di maggior successo.
  • 1970: la società statunitense Docutel inventa l'ATM (cassiere automatizzato, noto anche come "bancomat"), che funziona utilizzando transazioni online effettuate tramite computer bancari. La popolarità degli sportelli automatici porta a forme di elaborazione delle transazioni ancora più sofisticate.
  • Anni Ottanta: CompuServe , Prodigy e AOL (America Online) permettono alle persone di fare acquisti da casa usando i loro computer e le loro linee telefoniche.
  • 1989: Tim Berners-Lee (1955-) inventa il World Wide Web, gettando involontariamente le basi per una crescita esplosiva dell'e-commerce negli anni seguenti.
  • 1994: Jeff Bezos (1964-) fonda Amazon.com, l'iconico e-store.
  • 1994: Marc Andreessen (1971-) sviluppa il browser Web Netscape Navigator, che viene fornito con una funzionalità denominata SSL (Secure Sockets Layer): crittografia incorporata che consente di eseguire transazioni di carte di credito in modo sicuro online. C'è un'enorme esplosione nello shopping online e negli affari e inizia il fenomeno di dot.com.
  • 2000/2001: la bolla di dot.com scoppia e oltre 750 aziende online vanno al muro. Ad un certo punto, il prezzo delle azioni di Amazon.com scende a meno del 10% del suo valore originale.
  • 2008: l'e-commerce rappresenta circa il 3,4 percento delle vendite totali.
  • 2018: lo US Census Bureau riporta che le vendite al dettaglio dell'e-commerce negli Stati Uniti per il secondo trimestre del 2018 sono $ 127,3 miliardi (quasi 2,5 volte i $ 51,2 miliardi dello stesso periodo del 2012, aggiustate per variazione stagionale). Nel 2Q 2018, l'e-commerce rappresenta circa il 9,6% delle vendite totali (in aumento dal 4,7% nel 2012).