<img alt="" src="https://secure.perk0mean.com/177371.png" style="display:none;">

Come sarà il packaging del futuro? Personalizzato e sostenibile

    Indice

Immaginando che la strategia di marketing sia un puzzle, possiamo considerare il packaging per le aziende come uno dei tasselli fondamentali. Si potrebbe pensare, erroneamente, che il packaging svolga solo una funzione estetica, o pratica. In realtà è molto di più.

Il packaging ha assunto un ruolo fondamentale soprattutto dopo l’esplosione degli e-commerce, che si è verificata durante la pandemia da Covid-19. I clienti che acquistano online si sono letteralmente triplicati e le aziende hanno dovuto adeguarsi a questo nuovo trend.

Ecco così che il packaging è diventato un elemento da sfruttare a proprio favore nel percorso di fidelizzazione dei clienti, purché venga utilizzato nel modo giusto. Nei seguenti paragrafi analizziamo quali sono i trend principali del packaging del futuro e quali strategie adottare.

Cosa si intende per packaging?

Il packaging della scatole ne rappresenta fondamentalmente l’imballaggio. Include tutte quelle attività che riguardano la realizzazione estetica, funzionale e comunicativa di un prodotto acquistato online e poi spedito a domicilio.

Si parla quindi di packaging design, che si occupa dello studio, dell’analisi, della progettazione e della creazione di confezioni che diano un tocco distintivo al pacco, rendendolo facilmente riconoscibile e rafforzando la brand identity dell’azienda.

Il packaging inteso come strumento di marketing

Il packaging è uno strumento fondamentale di marketing che va sfruttato in un contesto sempre più competitivo, dove l’impatto comunicativo ha assunto un ruolo di primaria importanza per imporsi e farsi notare.

Si tratta di uno strumento strettamente collegato all’e-commerce ed è proprio in tale ottica che va analizzato. Per prima cosa bisogna studiare un progetto e-commerce plasmato secondo il proprio mercato di riferimento.

Bisogna quindi individuare il proprio obiettivo, per poi passare alla pianificazione della strategia comunicativa che deve inevitabilmente tenere conto anche del packaging.

Il packaging serve per identificare un prodotto e, di conseguenza, il brand. La sua funzione è quella di attrarre e stimolare il consumatore, suscitando in lui la curiosità alla sola vista del pacco. Si crea così quell’effetto “wow” tanto caro agli utenti moderni sempre più esigenti e desiderosi di novità.

La funzione del packaging in termini di marketing però non si esaurisce qui. I pacchi svolgono anche una funzione promozionale, poiché possono contenere omaggi e buoni sconto che spingono l’utente a fare ulteriori acquisti.

Da non sottovalutare assolutamente l’importanza del packaging in chiave estetica e di design, soprattutto in una società dominata dall’immagine. Pacchi e scatole con un design brioso e accattivante possono sicuramente fare la differenza per l’acquirente al momento della scelta.

Quali sono le caratteristiche del packaging del futuro?

Il packaging design degli shop online viene generalmente affidato a degli specialisti, che devono valutare e scegliere le confezioni più indicate per esaltare le caratteristiche delle scatole.

I pacchi di un e-commerce B2B potrebbero essere diversi rispetto agli e-commerce B2C, nel confezionamento e nelle scelte estetiche. Possiamo comunque individuare 4 caratteristiche principali valide a tutte le latitudini del packaging del futuro, ma anche di quello presente:

  • Funzionalità;
  • Estetica;
  • Personalizzazione;
  • Informazione.

Funzionalità

Questo è sicuramente il primo requisito da assolvere, la funzionalità, che corrisponde alla resistenza e alla versatilità. Un pacco spedito deve essere in grado di tutelare l’oggetto che trasporta, tenendo conto delle sue caratteristiche e della tipologia di viaggio che deve affrontare. Umidità, vento, pioggia, urti e cadute sono solo alcuni degli imprevisti da considerare durante il trasporto di un pacco.

La scatola deve quindi proteggere adeguatamente la merce, assicurandone la consegna al consumatore finale in perfetto stato di conservazione. Un articolo che arriva guasto, rotto o malfunzionante determina una serie di problemi a catena. L’acquirente naturalmente lo rimanderà indietro e chiederà il reso. Una condizione che rallenterà l’intero processo di vendita e che determinerà costi maggiori che andranno ad impattare sul budget aziendale. Naturalmente c’è poi da considerare il pessimo ritorno d’immagine per la società, che non ci fa certo una bella figura.

Leggerezza, semplicità di trasporto e facilità di apertura sono altre caratteristiche da tenere a mente. In tale ottica gli utenti apprezzano il cosiddetto packaging minimalista, che consente di realizzare imballi esterni poco voluminosi ma comunque compatti e resistenti.

Estetica

Subito dopo la funzionalità, c’è da considerare l’aspetto estetico. Il pacco, al momento della spedizione, rappresenta l’azienda. Ecco perché bisogna scegliere con grande attenzione i colori e il design che devono riflettere perfettamente l’anima del brand.

I colori, la forma e la resa grafica sono tutti elementi da selezionare anche in base alla propria tipologia di pubblico, al prodotto e al mercato di riferimento. É consigliabile scegliere una veste grafica che richiami i colori e l’estetica dell’e-commerce, così da dare una gradevole continuità stilistica che rafforza la brand identity dell’azienda. In tale processo può essere molto utile realizzare un e-commerce Shopify, che consente di personalizzare il sito a propria immagine e somiglianza.

Personalizzazione

Un packaging personalizzato contribuisce a fidelizzare il cliente, che viene messo al centro del progetto. Un servizio personalizzato e realizzato su misura è una delle chiavi del successo per tutte le aziende moderne. La personalizzazione delle offerte e dei servizi aiuta a differenziarsi dalla concorrenza e offrire quel plus in più che tanto piace ai consumatori.

Una volta individuato il proprio target di pubblico, le aziende possono più facilmente scegliere e personalizzare il loro packaging. Un brand che vende abbigliamento per adolescenti, dovrà evidentemente utilizzare colori sgargianti e briosi. Diversamente un brand che vende beni e oggetti di lusso dovrà usare colori eleganti e raffinati, come ad esempio il nero e il viola.

Gli stessi clienti si identificano maggiormente con il brand, che utilizza un linguaggio apprezzato e conosciuto dal suo target di riferimento. Possono sembrare sfumature, ma sono proprio i dettagli a fare la differenza tra un cliente fidelizzato e non fidelizzato.

Anche in questo caso è importante che il linguaggio, l’estetica e la comunicazione del packaging sia in linea con l’e-commerce. Lanciare un progetto BigCommerce è quindi la soluzione ideale per sviluppare una strategia di comunicazione coerente e gestire al meglio il magazzino.

Informazione

Un ulteriore veicolo per la diffusione dei valori del brand è rappresentato dalle informazioni date ai consumatori. Le persone ormai sono informatissime e vogliono sapere sempre di più. Per questo motivo è opportuno applicare sui pacchi etichette descrittive che illustrano in modo chiaro e trasparente le principali caratteristiche di un prodotto, come la tracciabilità e i materiali usati per realizzarlo.

In alcuni settori, come il packaging alimentare e cosmetico, l’etichetta rappresenta uno degli elementi più significativi. “Made in Italy”, “biologico”, “riciclato al 100%” e “cruelty-free” sono diciture sempre più apprezzate agli occhi dei clienti e che aumentano l’appetibilità dello stesso brand.

Il trend del packaging del futuro: sostenibilità

Merita un paragrafo a parte il packaging sostenibile, diventato un mantra per tutte le aziende che operano online per tantissimi motivi.

Il primo motivo è sicuramente quello ecologico. Il nostro malconcio pianeta è malato da tempo ed è arrivato il momento di tirarci su le maniche e fare qualcosa di concreto, per non lasciare le macerie alle future generazioni. Surriscaldamento globale, scioglimento dei ghiacciai, produzione incontrollata di plastica e inquinamento sono gli elementi che stanno massacrando l’ambiente circostante.

Il primo passo è l’eliminazione graduale della plastica, un tema presente nelle agende di tutte le potenze mondiali. Proprio per questo motivo bisogna ridurre la produzione di plastica e di materie prime, a beneficio di imballaggi realizzati con materiale riciclabile che dia il via ad un’economia circolare.

Il secondo motivo è di natura economica. I materiali riciclati fanno bene non solo alla salute del nostro pianeta, ma anche alle tasche delle aziende. Si riduce in modo significativo la spesa per acquistare imballaggi, che vengono prodotti con materiali riciclabili e quindi meno costosi. I brand, le aziende e gli e-commerce possono quindi risparmiare un bel po’ di soldi, da reinvestire per progetti più vicini al loro “core business”.

Il terzo motivo potremmo definirlo di natura commerciale. Nell’opinione pubblica la questione ambientale è sempre più sentita, anche perché alluvioni, uragani fuori stagione e innalzamenti preoccupanti delle temperature sono all’ordine del giorno. L’inquinamento ambientale è diventato qualcosa di tangibile, quindi le aziende che adottano politiche “green” ed “eco-friendly”, come appunto l’uso di packaging sostenibile, acquistano sicuramente punti agli occhi dei consumatori.

Il packaging “green” è quindi un ottimo incentivo all’acquisto. Sono tantissimi i consumatori attenti alle tematiche ambientali, pertanto la loro scelta viene influenzata anche dalla tipologia di materiale usato per realizzare l’imballaggio.

Considerazioni finali

Attenta scelta del materiale, massima personalizzazione grafica e resistenza degli imballaggi sono quindi le caratteristiche principali da tenere a mente per realizzare un packaging di qualità e in grado di identificarsi perfettamente con il brand.

Il packaging deve essere allineato con la comunicazione adottata nell’e-commerce, che a sua volta deve avere una strategia pianificata e indirizzata verso un unico obiettivo.

A tal proposito ti consiglio di scaricare la nostra risorsa gratuita disponibile a fondo pagina, una guida completa su come far funzionare il tuo e-commerce, raggiungendo gli obiettivi di vendita e ottimizzando le prestazioni del tuo negozio online.

Scarica gratis e-book  "Come far funzionare (vendere!)   il tuo e-commerce"