<img alt="" src="https://secure.perk0mean.com/177371.png" style="display:none;">

Come accettare pagamenti in criptovalute con il tuo ecommerce

    Indice

Il tuo e-commerce è pronto per i pagamenti in criptovalute? Questa è una domanda che dovresti iniziare a porti, poiché la modalità di pagamento si sta diffondendo sempre di più in tutte le direzioni, compreso il commercio online.

Siamo ancora in uno stato embrionale, ma sicuramente è opportuno muoversi per tempo e non farsi trovare impreparati, considerando che questa tendenza è in atto già da un po’ e che la tecnologia attua i cambiamenti in modo rapidissimo.

Per modernizzare il tuo progetto ecommerce dovresti quindi approfondire maggiormente il discorso sulle criptovalute e sulle varie modalità di pagamento per il tuo shop online, argomenti che affrontiamo nei successivi paragrafi.

Come funzionano i pagamenti in criptovalute: cosa sapere?

Per prima cosa è opportuno comprendere bene cos’è la criptovaluta, cioè una forma di moneta digitale o virtuale che utilizza la crittografia per proteggere le transazioni.

Non c’è quindi un’autorità centrale o emittente che regola il tutto, in quanto le criptovalute sono gestite nell’ambito di un sistema decentralizzato dove vengono registrate tutte le transazioni.

La criptovaluta è un sistema peer-to-peer che consente a chiunque di effettuare e ricevere pagamenti ma che non si appoggia a banche fisiche. Dimentica quindi la circolazione di denaro reale, in tal caso si parla di monete digitali all’interno di un database online.

Tutte le transazioni vengono registrate in una sorta di libro mastro pubblico, mentre le criptovalute vanno a finire in un portafogli digitale. Il nome criptovaluta deriva proprio dal sistema utilizzato per verificare le transazioni, la crittografia per l’appunto, che garantisce la massima protezione e sicurezza.

La prima criptovaluta in assoluto, lanciata nel 2009, è stata il Bitcoin e ancora oggi continua ad essere tra le più utilizzate e sicure. Chi accetta pagamenti in Bitcoin? Lo fanno le più grandi multinazionali, tra le quali anche Visa e Mastercard, due dei principali riferimenti mondiali per i pagamenti elettronici.

Analizziamo adesso la “struttura” delle criptovalute, che come specificato vengono gestite in un libro mastro chiamato blockchain, dove appunto si registrano tutte le attività e le transazioni.

Le singole unità della criptovaluta vengono invece create tramite un particolare processo chiamato mining, che mediante complesse elaborazioni informatiche genera le monete virtuali.

Ricevere pagamenti in Bitcoin sul proprio e-commerce: come fare?

Una volta compreso il funzionamento, a questo punto bisogna capire come pagare in Bitcoin online o con qualsiasi altra criptovaluta e di conseguenza come accettare il pagamento in Bitcoin.

Per pagare in Bitcoin in Italia ci sono fondamentalmente due metodi:

  • Incassi diretti;
  • Uso di gateway compatibili.

Se opti per la prima modalità devi per prima cosa attivare un portafoglio elettronico, detto wallet bitcoin, e poi comunicare al cliente l’indirizzo dove inviare i pagamenti.

Per gestire i pagamenti e i dati devi installare sul tuo sito un software che consenta di effettuare le transazioni tramite Bitcoin. Sono diverse le piattaforme e-commerce che ti mettono a disposizione questo tipo di servizi, come Shopify, ideale sia per l’ecommerce B2B che per l’ecommerce B2C. Tutto quello che devi fare, indipendentemente dalla piattaforma selezionata, è creare il tuo account che a sua volta va collegato al wallet dove ricevere comodamente i tuoi pagamenti.

In alternativa puoi appoggiarti su un gateway di pagamento di terzi parti, che gestisce direttamente gli incassi ricevuti. Per il cliente non cambia nulla, dal momento che deve semplicemente effettuare il pagamento. I Bitcoin però in questo caso vengono inviati al gateway di pagamento e non direttamente al proprietario del negozio online. In tal caso il vantaggio è di non dover trattare direttamente con le criptovalute, poiché gli incassi vengono ottenuti direttamente in valuta fiat. Tuttavia bisogna sostenere i costi aggiuntivi per beneficiare di questo servizio.

L’integrazione degli shop online con le differenti modalità di pagamento in Bitcoin o in altre criptovalute è affidata a programmatori esperti e qualificati che devono essere ben documentati su questo mondo che è ancora piuttosto nuovo per molti.

Qualunque sia lo strumento che hai scelto per i tuoi pagamenti, devi pubblicizzarlo sul tuo e-commerce esponendo il logo ufficiale e comunicare questo importante cambiamento ai tuoi clienti. In questo modo tutti gli acquirenti che utilizzano le criptovalute per i loro acquisti saranno maggiormente incentivati ad usarle sul tuo e-commerce.

Accettare un pagamento in criptovalute: pro e contro

Vale la pena aprire le porte del proprio e-commerce ad una nuova forma di pagamento come le criptovalute? La domanda è legittima poiché i cambiamenti fanno sempre un po’ paura. Tuttavia questo cambiamento va interpretato come un’opportunità da cogliere al volo se vuoi avere tra le mani un e-commerce moderno, versatile e pronto a ricevere e sfruttare nel migliore dei modi le dinamiche di un mercato in costante evoluzione. Per avere una panoramica più chiara è quindi opportuno conoscere i pro e i contro delle criptovalute.

Il Bitcoin fu lanciato con l’idea di rendere possibile qualsiasi acquisto, dal semplice caffè fino addirittura ad interi immobili. Il processo di penetrazione nei mercati del Bitcoin non è stato così veloce come ci si aspettava, tuttavia bisogna ammettere che sono sempre più gli istituti che accettano questa forma di pagamento. Proprio nel commercio online è possibile portare a termine una serie di transazioni con le criptovalute, usate ad esempio in diversi siti e-commerce, in particolare di tecnologia.

Anche diversi rivenditori di lusso, un mercato particolare riservato ad una certa nicchia, accettano le criptovalute come forma di pagamento. Lo stesso discorso vale per le assicurazioni, molte delle quali hanno annunciato di accettare i Bitcoin come forma di pagamento per diverse linee assicurative. Le criptovalute sono particolarmente diffuse anche nel mercato delle automobili, dalle concessionarie fino ai siti online che si occupano di compravendita di auto.

Guardando l’altra faccia della medaglia però ci sono delle criticità che vanno sottolineate. Come già evidenziato non c’è un’autorità centrale vera e propria che gestisce il “gran carrozzone”, quindi potrebbe risultare complicato capire con chi interfacciarsi in caso di difficoltà. Ovviamente bisogna fare i conti con i truffatori, sempre presenti laddove c’è un mercato nuovo e innovativo, e con gli stessi hacker che possono introdursi nei portafogli digitali dove vengono accantonate le valute digitali.

Pagare in bitcoin online: le differenze tra le varie piattaforme ecommerce

Approfondendo ulteriormente l’aspetto pratico e tecnico, c’è da porsi un’ulteriore domanda: come impostare i pagamenti con criptovalute sul proprio e-commerce? Per prima cosa è necessario scegliere la piattaforma che meglio si sposa con le necessità e le esigenze del tuo e-commerce.

Tra le più gettonate se ne possono individuare almeno tre:

  • WooCommerce;
  • Shopify;
  • Prestashop.

WooCommerce

WooCommerce è uno dei plugin di Wordpress più apprezzati per realizzare siti e-commerce. A sua volta mette a disposizione diversi plugin, alcuni dei quali consentono ai clienti di effettuare pagamenti in criptovalute.

Uno dei più noti è Cryptowoo, che permette di acquistare sull’e-commerce con diverse tipologie di criptovalute come Dogecoin, Bitcoin, Litecoin e tanti altri. Puoi usare la versione gratuita, che consente il movimento di criptovalute solo con la creazione di un nuovo wallet, oppure la versione a pagamento con la quale hai a disposizione molte più funzioni, come la possibilità di ottenere il pagamento direttamente sul tuo wallet di criptovalute.

In alternativa c’è Crypto.com, un plugin che accetta pagamenti con varie valute come Etherium, Crypto Coin e Bitcoin. Inoltre puoi anche scegliere se ricevere il pagamento in valuta tradizionale oppure direttamente sul tuo wallet crypto.com.

Shopify

Tra le piattaforme più in voga per realizzare siti ed e-commerce c’è Shopify, che dispone di diverse app per installare velocemente un sistema di pagamento tramite criptovalute.

Una delle migliori soluzioni in grado di integrarsi con Shopify è Coinpayments, che accetta diverse tipologie di pagamento con varie criptovalute e inoltre prevede una commissione davvero molto contenuta.

Prestashop

Prestashop, CMS open source usato per realizzare siti di commercio elettronico, ti offre diversi plugin per integrare velocemente il tuo e-commerce con i pagamenti in criptovalute.

Uno dei migliori è Bitcoin x Crypto, grazie al quale puoi controllare tutti i tuoi ordini tramite blockchain e, una volta che il pagamento in criptovalute è stato eseguito correttamente, inviare un’email di conferma.

Il modulo aggiorna continuamente il valore e il tasso di cambio delle singole criptovalute, quindi non dovrai perdere tempo con interventi di manutenzione o con aggiornamento periodici.

Conclusioni

Come hai avuto modo di capire il mondo delle criptovalute è davvero molto complesso e, prima di consolidarsi nel mercato online, dovrà passare probabilmente qualche anno.

É innegabile però che il processo di penetrazione delle criptovalute è iniziato già un po’, quindi è opportuno anticipare i tempi e farsi trovare pronti quando la rivoluzione sarà ultimata.

Per non farti trovare impreparato la cosa migliore è realizzare da subito un ecommerce scalabile e versatile, pronto ad adattarsi ai vari cambiamenti del mercato, con l’aiuto di un partner Shopify.

A tal proposito ti consiglio di scaricare a fine articolo il nostro ebook gratuito, una guida introduttiva a Shopify che ti consente di prendere subito confidenza con questa piattaforma dall’interfaccia semplice e intuitiva per gestire e impostare al meglio le funzioni principali del tuo negozio online.

introduzione a Shopify - scarica l'ebook gratuito

Redazione

Redazione

LA redazione: sì, siamo quelli che sotto il gioco dello stretto anonimato maciniamo articoli del blog per alimentare la vostra sete di sapere (digitale), permettiamo alla newsletter di essere ricca di contenuti, mese dopo mese, e al blog di ICT Sviluppo di essere sempre aggiornato. Quindi... non vi resta che seguirci (perché ci smazziamo per dare regolarità ai nostri aggiornamenti!)