Sommario

Psst. Hey tu, hai sentito?

Di recente abbiamo guardato sotto il cofano di Shopify e abbiamo scoperto sei oscuri segreti che il gigante dell'e-commerce avrebbe preferito nascondere.

 

Eccoli qua.

In tutta la loro essenza.

 

1. Commissioni di transazione estremamente alte e non trattabili

Uno dei maggiori problemi che devono affrontare gli imprenditori di Shopify - specialmente quando iniziano a fare più vendite e diventano più redditizi - è che Shopify addebita commissioni di transazione estremamente elevate per ogni acquisto, come segue:

Basic Shopify ($ 29/mese)

  • Tasso di elaborazione dei pagamenti online: 2,9% + 0,30 $ per transazione;
  • Tasso di elaborazione della carta di credito: 2,7%
  • Costi aggiuntivi per l'utilizzo di qualsiasi altro sistema di pagamento diverso da Shopify Payments: 2%

Shopify ($ 79/mese)

  • Tasso di elaborazione dei pagamenti online: 2,6% + 0,30 $ per transazione;
  • Tasso di elaborazione dei pagamenti online: 1,6% + 0,35 $ per transazione;
  • Tasso di elaborazione della carta di credito: 2,5%
  • Costi aggiuntivi per l'utilizzo di qualsiasi altro sistema di pagamento diverso da Shopify Payments: 1%
  • Tasso di elaborazione della carta di credito: 2,4%
  • Costi aggiuntivi per l'utilizzo di qualsiasi altro sistema di pagamento diverso da Shopify Payments: 0,5%

Advanced Shopify ($ 299/mese)

  • Tasso di elaborazione dei pagamenti online: 2,4% + 0,30 $ per transazione;

Shopify Plus (canone mensile basato sulle vendite)

  • Il costo di Shopify Plus è basato sulle vendite. Inizia a $ 2.000/al mese, con un costo massimo di $ 40.000/mese. Ecco un articolo utile che ti aiuterà a capire questo modello, che può essere abbastanza confuso.
  • Tasso di elaborazione della carta di credito: 2,4%
  • Costi aggiuntivi per l'utilizzo di qualsiasi altro sistema di pagamento diverso da Shopify Payments: 0,15%
  • $ 29 in commissioni percentuali
  • $ 1,80 in commissioni di elaborazione forfettarie
  • Ciò equivale a un totale di $ 30,80 in commissioni.
  • $ 2.400 in commissioni percentuali;
  • $ 330 in commissioni forfettarie
  • URL canonici
  • Mappa del sito
  • Robots.txt
  • Titoli e meta descrizioni
  • Alt tag per le immagini
  • Video informativi
  • Sequenza di foto
  • GIF animate o video in background in loop

All'inizio, queste accuse sembreranno abbastanza ragionevoli. Se disponi di un account Shopify Basic e sei un nuovo venditore che vende $ 1.000 di prodotti in 6 transazioni, pagherai:

Non male vero?

Ma i problemi arrivano quando tu sei un venditore che sta facendo un gran volume di vendite. Anche con il piano Shopify avanzato più costoso, finirai per pagare commissioni elevate.

Se vendi $ 100.000 di prodotto con 1.100 transazioni, devi considerare:

Questo porta ad un totale di $ 2.730 in commissioni, che è piuttosto alto, specialmente quando consideri anche il costo di $ 279/mese di Advanced Shopify.

Se stavi usando un’altra piattaforma e-commerce, come Magento, potresti utilizzare un sistema di pagamento più economico. Con Shopify sei scoraggiato dal fare questo e dovrai anche pagare una specie di multa per utilizzare qualsiasi sistema di pagamento diverso da Shopify Payments.

 

2. Poca funzionalità SEO

Shopify ha solo poche funzioni di base SEO integrate, tra cui:
  • URL canonici
  • Mappa del sito
  • Robots.txt
  • Titoli e meta descrizioni
  • Alt tag per le immagini

E…. questo è tutto!!

Per ulteriori strumenti SEO, avrai bisogno di pagare per soluzioni aggiuntive come Moz o SEMRush, o usare un’estensione come Plug-In-SEO. Magento e altre piattaforme offrono strumenti SEO più efficaci e pronti all'uso. Inoltre, ci sono più strumenti SEO gratuiti e open source disponibili poiché altre piattaforme non sono costruite su piattaforme proprietarie chiuse.

 

3. Trasferire i tuoi dati sarà un calvario


Questo è qualcosa che dovrebbe spaventare chiunque stia pensando di costruire un business sulla piattaforma Shopify. L'intero sistema è proprietario; cioè, non è open source. Ciò significa che i tuoi dati sono contenuti in database che non possono essere facilmente trasferiti tra piattaforme di e-commerce. In sostanza, non possiedi i tuoi dati personali e non esiste un modo semplice per ottenerli da Shopify se desideri passare ad una piattaforma di e-commerce diversa. È anche totalmente basato su cloud, quindi non hai alcun controllo sui tuoi server. Se credi di averne abbastanza di Shopify e desideri provare un'altra piattaforma, non sarai in grado di farlo, non senza ricostruire l'intero sito web da zero.

Le alternative a Shopify utilizzano database standardizzati che possono essere facilmente migrati su altre piattaforme. Non sei mai "obbligato" e hai sempre la possibilità di passare a un'altra piattaforma di e-commerce, se lo desideri.

 

4. Non puoi gestire diversi store da un’unica dashboard


Sorpreso? Pure io!

Dopo tutto, la più grande piattaforma di e-commerce al mondo dovrebbe sicuramente supportare la gestione multi-store dalla sua dashboard, giusto?

Sbagliato!

Shopify non ti permette di combinare molteplici negozi on-line. Ad ogni username corrisponde un negozio. Questo è tutto. Se vuoi gestire più di un negozio con Shopify, per nome utente, devi semplicemente accedere a ciascuno separatamente o sborsare una tariffa mensile per un'app di terze parti che ti consente di integrare tutti i tuoi negozi in una singola pagina.

Magento, per esempio, ha un sistema di gestione multi-store di default che rende molto semplice avere diversi store che operano sotto lo stesso brand.

5. Cattiva gestione dei contenuti


Se stai cercando una piattaforma che ti consenta di offrire un’esperienza di acquisto ricca di contenuti, con caratteristiche tipo:

Shopify non è la piattaforma per te.

Le possibilità di aggiungere e gestire i tuoi contenuti sono molto limitate, dato il design “a misura unica” della piattaforma. Shopify ha anche un CMS complessivo scarso, dovuto alla sua focalizzazione sulla vendita di prodotti. Non è necessariamente un aspetto negative, ma può significare che avrai più difficoltà ad usare content marketing per pubblicizzare i tuoi prodotti.

6. Personalizzazione limitata


Semplicità e flessibilità sono, sfortunatamente, inversamente proporzionali quando si tratta di sviluppare una piattaforma di e-commerce e Shopify non fa eccezione. Perché Shopify è davvero semplice da configurare ed è semplice cambiare il tuo tema e apportare modifiche basi. È un'ottima piattaforma per creare e-commerce per la prima volta e questa è una grande ragione per cui ha così tanto successo.

Ma col passare del tempo e diventando un imprenditore di e-commerce più esperto, potresti trovarti a cercare di più. Potresti voler iniziare a vendere prodotti B2B, revisionare il tuo tema e apportare altre modifiche al tuo negozio. E, con Shopify, non puoi davvero aggiungere molte funzionalità personalizzate al tuo sito. Tuttavia, se usi una piattaforma open source come Magento, le tue capacità di personalizzazione sono - essenzialmente - illimitate. Finché hai le competenze tecniche per modificare il tuo sito Web o il budget per assumere uno o due sviluppatori, puoi creare un sito Web di e-commerce completamente personalizzato da zero.

 

Conclusioni

Shopify è perfetto per chi è all’inizio. Ma non per tutti.

Shopify è, indiscutibilmente, la migliore piattaforma se tu sei nuovo nell’ambito dell’e-commerce.

È facile da usare, anche senza competenze tecniche, e semplifica il processo di creazione di un nuovo negozio, rendendo l'e-commerce accessibile a chiunque.

Ma non è necessariamente la scelta migliore per gli imprenditori che vogliono rendere l’e-commerce il loro lavoro a tempo pieno.

Quindi, prima di firmare nell’apposito spazio e investire migliaia di dollari con Shopify, esplora questi sei fattori.

Sono i segreti meglio custoditi di Shopify. Per una buona ragione.

 

Scarica gratis e-book  "Come far funzionare (vendere!)   il tuo e-commerce"

 

 

Scritto da Alberto Preto

Alberto Preto